TENNIS: DAVIS. BINAGHI “ERA MORIBONDA,FORMAT DA PERFEZIONARE MA PIACE”

lunedì, 25 Novembre 2019
ROMA - "Alcune cose, come ad esempio gli orari, le aggiusteranno, ma altre non vanno. Fare le teste di serie dei gironi tanto tempo prima ci ha svantaggiato: in primavera non avevamo Fognini vincitore a Montecarlo e Berrettini numero 8 del mondo". Cosi' il presidente della Fit, Angelo Binaghi, commentando ai microfoni de "La politica nel pallone", su Gr Parlamento, il nuovo format della Coppa Davis andato in scena a Madrid e che ha visto l'Italia di Barazzutti battuta da Canada e Stati Uniti. "In uno sport individuale, e' sempre difficile trovare un modello perfetto e un format di successo per la gara a squadre - sottolinea il numero uno della Federtennis - La federazione internazionale ha pero' ereditato una Davis moribonda, alla quale stavano per rescindere il contratto tutti i piu' grandi sponsor degli ultimi dieci anni, e qualcosa si doveva fare. Nei primi anni delle rivoluzioni ci sono piu' problemi delle cose positive. Peraltro riscontro che i telespettatori gradiscono, le audience sono alte. Portare la nuova Davis in Italia? Ci volete ammazzare? Abbiamo gia' gli Internazionali, le Next Gen Finals, le Atp Finals a Torino dal 2021 al 2025. Ce n'e' abbastanza...". - (SEGUE). mc/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

TENNIS: DAVIS. BINAGHI “ERA MORIBONDA,FORMAT DA PERFEZIONARE MA PIACE”

lunedì, 25 Novembre 2019
ROMA - "Alcune cose, come ad esempio gli orari, le aggiusteranno, ma altre non vanno. Fare le teste di serie dei gironi tanto tempo prima ci ha svantaggiato: in primavera non avevamo Fognini vincitore a Montecarlo e Berrettini numero 8 del mondo". Cosi' il presidente della Fit, Angelo Binaghi, commentando ai microfoni de "La politica nel pallone", su Gr Parlamento, il nuovo format della Coppa Davis andato in scena a Madrid e che ha visto l'Italia di Barazzutti battuta da Canada e Stati Uniti. "In uno sport individuale, e' sempre difficile trovare un modello perfetto e un format di successo per la gara a squadre - sottolinea il numero uno della Federtennis - La federazione internazionale ha pero' ereditato una Davis moribonda, alla quale stavano per rescindere il contratto tutti i piu' grandi sponsor degli ultimi dieci anni, e qualcosa si doveva fare. Nei primi anni delle rivoluzioni ci sono piu' problemi delle cose positive. Peraltro riscontro che i telespettatori gradiscono, le audience sono alte. Portare la nuova Davis in Italia? Ci volete ammazzare? Abbiamo gia' gli Internazionali, le Next Gen Finals, le Atp Finals a Torino dal 2021 al 2025. Ce n'e' abbastanza...". - (SEGUE). mc/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.

 

Abbonati ora