TENNIS: MORTO FLACH, EX NUMERO 1 AL MONDO DI DOPPIO CON SEGUSO

mercoledì, 14 marzo 2018
ROMA - Tennis statunitense in lutto: si e' spento lunedi' all'eta' di 54 anni, a causa di una polmonite poi aggravatasi in sepsi, Ken Flach, ex numero 1 del mondo in doppio. Lo ha annunciato in una nota la Federazione tennis americana (USTA), rivolgendo "le nostre condoglianze alla famiglia e agli amici di Ken Flach, campione olimpico ed ex N.1 in doppio e quattro volte vincitore di tornei del Grande Slam". L'ATP ha precisato che l'ex tennista "posto sotto assistenza respiratoria e' morto lunedi' notte con i famigliari al suo fianco". Flach con il connazionale Robert Seguso ha formato una delle migliori coppie di doppio della storia: numero uno al mondo per cinque settimane nel 1985, hanno vinto 352 partite a fronte di 130 sconfitte tra il 1983 e il 1995 per un totale di 28 titoli ATP, tra i quali i trionfi a Wimbledon nel 1987 e 1988, e agli US Open 1985, oltre alla medaglia d'oro alle Olimpiadi di Seul 1988. Flach inoltre a livello Slam ha aggiunto al suo palmares il trofeo degli US Open 1993 in coppia con Rick Leach, e quelli in doppio misto nel 1986 al Roland Garros e a Wimbledon a fianco della connazionale Kathy Jordan. . mc/com
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.