TENNIS: ONU SCARICA SHARAPOVA, NON E’ PIU’ AMBASCIATRICE BUONA VOLONTA’

martedì, 15 Marzo 2016
MOSCA (RUSSIA) - Dopo i tanti sponsor (fatta eccezione per la Head) anche l'Onu prende le distanze da Maria Sharapova. La tennista russa, risultata positiva al meldonium ad un test antidoping durante gli Open d'Australia, e' stata sospesa dalla carica di 'ambasciatrice di buona volonta'' del programma delle Nazioni unite per lo sviluppo (United Nations Development Programme). L'agenzia dell'Onu in un comunicato si e' detta "riconoscente verso Maria Sharapova per aver sostenuto il nostro lavoro, in particolare gli sforzi per la ricostruzione dopo la catastrofe nucleare a Chernobyl". Tuttavia, "alla luce dell'annuncio fatto recentemente dalla stessa Sharapova, abbiamo deciso di sospenderla dal ruolo di ambasciatrice di buona volonta' e da tutte le attivita' previste in attesa del prosieguo dell'inchiesta". La 28enne tennista siberiana dal 2007 ricopriva il ruolo di "ambasciatrice di buona volonta'" del programma Onu per lo sviluppo (presente in quasi 170 Paesi), che si occupa di combattere la poverta' e la disuguaglianza. La fondazione di beneficenza di Sharapova ha lavorato con l'Undp per finanziare borse di studio di formazione per persone provenienti da Chernobyl, in particolare donando 100mila dollari in favore dei giovani delle zone rurali della Bielorussia che hanno sofferto le conseguenze del disatro nucleare. Tra gli 'ambasciatori di buona volonta'', che mettono la loro notorieta' a titolo benefico al servizio delle cause portate avanti dalle varie agenzie dell'Onu, figurano numerosi personaggi dello sport, come ad esempio i calciatori Didier Drogba, Ronaldo o Zinedine Zidane. . mc/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.