TENNIS IN TV, QUANTO MI COSTI?

Gli appassionati italiani di tennis, per poter assistere alle gesta dei propri beniamini, devono necessariamente ricorrere ad un abbonamento alla pay-tv, perché in chiaro, l'offerta è pressoché nulla. Questo comporta una spesa importante, ma comunque inferiore, rispetto agli altri paesi europei, che però offrono molte più partite sulle televisioni nazionali
giovedì, 21 Giugno 2012

Nonostante negli ultimi tempi il numero degli appassionati di tennis sia decisamente aumentato, il nostro sport, in Italia, rimane ancora una disciplina secondaria rispetto al calcio, sport nazionale per antonomasia. Per quanto le imprese delle ragazze negli ultimi anni, abbiano infatti avvicinato moltissime persone a racchette e palline, la visibilità riservata al tennis dai mezzi di informazione rimane molto limitata. I quotidiani sportivi, al massimo dedicano una pagina al nostro sport e soltanto in occasione dei grandi appuntamenti, oppure in caso di grandi exploit dei giocatori o delle giocatrici azzurre. Gli appassionati, per poter ottenere notizie aggiornate devono affidarsi a internet e per poter assistere alla diretta delle partite, devono munirsi di un abbonamento alla pay-tv, perché in chiaro, vengono proposti pochissimi match: se infatti escludiamo il Roland Garros 2012, offerto dalla Rai, negli ultimi anni è stato possibile assistere in chiaro alle sole fasi finali degli Internazionali di Roma, su Mediaset, e alle partite delle squadre di Fed Cup e Coppa Davis, sulla Rai.

I motivi di una tale situazione sono molteplici. Prima di tutto l’Italia “paga”, l’assenza ormai più che trentennale di un campione al vertice del ranking mondiale. Per quanto infatti i successi delle ragazze siano state delle imprese straordinarie, è indubbio che il tennis in gonnella abbia un appeal decisamente inferiore rispetto a quello maschile. Inoltre, il nostro è uno sport difficilmente inseribile in un palinsesto di una tv generalista, dato che una partita di tennis, si sa quando inizia, ma non si conosce con esattezza quando finirà. Infine i costi dei diritti televisivi degli eventi più importanti, sono decisamente alti e per questo sono pochi i media disposti ad investire tanto denaro per trasmettere un evento, comunque indirizzato ad un numero di spettatori non così elevato. Sebbene non esistano dati certi, visto che c’è una clausola di riservatezza nei contratti che assegnano i diritti televisivi, alcuni rumors, quantificano il prezzo dei diritti di trasmissione di ogni torneo del Grande Slam sopra al milione di euro, uno cifra alla portata soltanto delle grandi multinazionali dell’informazione. Molto alto anche il prezzo dei diritti per la trasmissione dei tornei del circuito Master 1000, che al contrario degli slam vengono venduti in blocco dall’Atp. I tornei 250 e 500 invece, hanno prezzi naturalmente più contenuti.

Sky piglia tutto. In Italia soltanto Sky è in grado di investire grandi capitali nel tennis. La televisione di Rupert Murdoch, attualmente possiede i diritti di trasmissione di Wimbledon e di tutti i tornei del circuito Master 1000, comprese le Atp finals di Londra. Nell’abbonamento a Sky sono però compresi anche Eurosport ed Eurosport 2 che detengono i diritti di trasmissione degli altri tre tornei dello slam e di tutti i tornei femminili più importanti. La terza emittente tennistica è il canale della federazione, SuperTennis TV, che garantisce la diffusione delle immagini di tutti i tornei 500 e di moltissimi tornei 250 e Wta International, oltre che del torneo femminile di Roma, della Coppa Davis e della Fed Cup (partite dell’Italia escluse). Il canale della Fit è visibile sia in chiaro sul digitale terrestre (non in tutto il paese), sia su Sky, oltre che in streaming. Per tutti questi canali è disponibile anche l’alta definizione. La Rai rimane a margine, con la trasmissione delle partite della squadra italiana di Fed Cup e, quest’anno, di alcune partite del Roland Garros.

Costi. L’abbonamento a Sky ha un costo tutto sommato accessibile, se ci si accontenta di vedere soltanto lo sport. Il prezzo minimo per vedere tutto il tennis della Tv di Murdoch, è di 29 euro al mese, comprensivo anche di uno dei 5 pacchetti dei canali a tema (documentari, news, serie tv, bambini o musica). Qualora allo sport si volesse affiancare anche il cinema o altri canali, ovviamente i costi lievitano fino ad arrivare ad un massimo di 58,48 euro mensili. Confrontato con i prezzi degli altri maggiori paesi europei, il costo della Pay tv italiana, per il solo pacchetto sportivo, si rivela decisamente contenuto. In Germania (Sky + Eurosport) si può assistere a tutti i tornei più importanti con un investimento di 45,90 euro al mese, anche se con questa offerta sono compresi molti più canali generalisti. In Inghilterra (Sky sports + Eurosport) il prezzo complessivo di tutti i tornei è di 40 Sterline(49,60 euro) al mese. In Francia e Spagna, Canal + ed Eurosport la fanno da padrone, al costo rispettivamente di 39,90 euro e 37,96 euro mensili. In tutti questi paesi però, l’offerta in chiaro è molto più ampia rispetto a quella italiana, visto che le Tv nazionali (France Television, ZDF, TVE e BBC) danno ampio spazio al tennis, sia durante gli slam che durante i tornei che si svolgono nel territorio nazionale.

Streaming. Una valida alternativa,a buon mercato, alla televisione è rappresentata dallo streaming online, che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede, con una qualità dell’immagine in continuo miglioramento . Tennistv.com, per 14,95 euro al mese oppure 89,95 euro l’anno, offre 52 tornei Atp e tutti i tornei Wta International. Eurosport, offre invece l’opzione “player”, che per 4,95 euro al mese o 39,95 all’anno,dà la possibilità di guardare online tutta l’offerta del canale paneuropeo e tutte le partite giocate su campi “coperti” dalle telecamere, dei tre tornei dello slam, di cui Eurosport possiede i diritti(tutti tranne Wimbledon). Per la Coppa Davis e la Fed Cup infine, il sito ufficiale dell’Itf, nella sezione dedicata, dà l’opportunità di assistere, per circa 50 euro l’anno, a tutte le partite delle due competizioni.


1 Commento per “TENNIS IN TV, QUANTO MI COSTI?”


  1. Marisa Susterini ha detto:

    Buon pomeriggio, sono una pensionata di 76 anni, con una minima pensione di 300,26 euro mensili e sono innamorata del tennis. Io non ho carta di credito come posso pagare? . Io vorrei vedere adesso Cincinnati e gli US Open. A Dicembre che ho la tredicesima potrei magari fare un altro abbonamento per gli AO…ma non so come fare e quanto costa esattamente . Grazie semi fare sapere qualcosa e cordiali saluti . Marisa Susterini


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.