TENNIS: ROBERTA VINCI MADRINA TROFEO INTERNAZIONALE U12 NICOLAUS CUP-2-

lunedì, 3 dicembre 2018
"La mia vita non e' cambiata poi tanto, meno allenamento, meno racchette da tennis, ma alla fine giornate semplici con meno impegni, un po' piu' di riposo, ma la mia e' una vita normalissima. Non ho mai avuto ripensamenti, sono stata decisa sulla mia scelta e questo mi fa ancora piu' piacere", assicura. E a chi le chiede quale sia il ricordo piu' bello della sua carriera, risponde cosi': "La vittoria contro Serena Williams". L'unico rimpianto, per l'unica tennista italiana ad aver vinto almeno un torneo su tutte le superfici di gioco, e' forse quello di non aver vinto mai una medaglia all'Olimpiade in doppio con Sara Errani. Per il futuro invece, Roberta Vinci non esclude un ingresso in Fit. "Perche' no - si chiede - io me lo auguro. La federazione mi e' sempre stata accanto in tutti questi anni, mi piacerebbe adesso essere io accanto a loro per cercare di far venir fuori qualche talento". Quello in arrivo sara' il primo Natale senza tennis, ma la tarantina non sembra preoccuparsene troppo e pensa soprattutto al futuro del tennis italiano. - (SEGUE). cip/col2/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.