TENNIS: TUTTI A SCUOLA DA SANIA MIRZA

La migliore e più contestata tennista indiana apre la sua accademia di tennis, con l’obiettivo di portare entro cinque anni nuovi pro nei tornei. Per il 2013 Sania Mirza prevede l’ennesimo cambio di compagna in doppio e la possibilità di abbandonare il singolare
mercoledì, 17 Ottobre 2012

Tennis – Nuova Delhi (India).  Con l’obiettivo di restituire qualcosa a questo sport che le ha portato la fama e ricchezza, ma anche tanti guai come vedremo in fondo a questo articolo, Sania Mirza è pronta ad avviare la sua accademia di tennis a Hyderabad, dove i giovani avranno una formazione tennistica di qualità a un prezzo accessibile.

L’accademia tennistica di Sania Mirza è in fase di costruzione vicino alla periferia della città e dovrebbe essere aperta nel marzo del prossimo anno: “Ci avevo pensato già alcuni anni fa, perché ho sempre voluto restituire qualcosa allo sport del tennis e all’India, in qualsiasi modo. Voglio condividere la mia esperienza, cercando di offrire ai giocatori una accademia dove imparare il tennis al livello più alto. Questo è il modo migliore per restituire qualcosa”.

Sania Mirza, che in carriera ne ha combinate di cotte e di crude, uscendone però sempre bene, ha grandi aspettative per la sua creatura: “Speriamo che, se non nei prossimi 5 anni almeno entro 10 o 12 anni, avremo i grandi tennisti provenienti da questa accademia che è in costruzione su un terreno di quattro acri e all’inizio avrà nove campi in cemento. A poco a poco, ci saranno nove campi in cemento in più e tre campi in terra rossa”.

Il padre di Sania, Imran Mirza, sta scrivendo un libro sulla carriera della figlia divenuta una stella del tennis, con lo scopo di coinvolgere qualche sponsor che sostenga le spese dei tirocinanti presso l’accademia: “Vogliamo rendere l’accesso il più conveniente possibile, come accade in quella del mio ex compagno di doppio misto Mahesh Bhupathi, che aveva aperto un’accademia a Bangalore in passato”.

Parlando della stagione oramai in fase finale, Sania Mirza si è detta soddisfatta della sua prestazione: “E’ stato un anno fantastico. Di solito i giocatori di tennis non sono mai soddisfatti, perché siamo avidi e desideriamo sempre il risultato migliore; per quello che mi riguarda, invece, sono molto soddisfatta: ho giocato sei finali, ho vinto uno Slam e giocato la finale del Cina Open, che è il più grande torneo dopo uno Slam. Quindi, è stato un grande anno”.

Sania è proprio felice: “Ho ottenuto il mio miglior posizionamento in classifica quest’anno (7 posto in doppio) e mi piacerebbe che il prossimo anno andasse ancora meglio di così”.

Sania Mirza ha dovuto cambiare un sacco di partner in doppio quest’anno a causa di vari motivi. Ha giocato con la russa Elena Vesnina, l’americana Bethanie Mattek Sands, l’australiana Anastasia Rodionova, poi con Yaroslav Shvedova e ora con la spagnola Nuria Llagostera Vives. Alla fatidica domanda su chi sarà la sua compagna di doppio nel 2013 stagione, Sania risponde flemmaticamente che dipenderà dal fatto se deciderà o meno di giocare anche nel singolare, poiché è ancora “tentata” ed è un po’ pentita per avere spostato la sua attenzione al doppio così tardi: “Dipende se giocherò il singolare o meno. Ci penserò quando mi fermerò per concedermi un po’ di tempo libero. In ogni caso sto parlando con alcune giocatrici. Ci vorrà ancora del tempo, poi a Mosca, ci siederemo con la mente sgombra per prendere una decisione”.

E’ da tempo, inoltre, che gira l’indiscrezione secondo cui farà coppia nel doppio misto con il grande Bob Bryan, ma la tennista n°1 dell’India si è rifiutata di rilasciare commenti in proposito. Infine Sania Mirza ha anche negato che lei e suo marito, il giocatore di cricket Shoaib Malik stiano per partecipare a qualsiasi reality di danza, del tipo Ballando con le Stelle, per intenderci. L’unica cosa che ha in programma la Mirza, è invece di partire per Mosca per giocare il suo ultimo torneo WTA della stagione. In precedenza, aveva deciso di non partecipare a questo torneo, ma il poter ottenere alcuni punti per la classifica in vista della nuova stagione le ha fatto cambiare idea.

La tormentata storia della miglior tennista indiana di sempre, nell’articolo Sara Mirza, dal gonnellino alla fatwa


Nessun Commento per “TENNIS: TUTTI A SCUOLA DA SANIA MIRZA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.