TOMMY ROBREDO TORNA DOPO 6 MESI DI STOP

All'Atp di Metz farà il suo rientro Tommy Robredo. Lo spagnolo torna nel circuito maggiore dopo l'intervento al gomito che lo ha tenuto fermo 6 mesi.
domenica, 18 Settembre 2016

Tennis – L’indole del leone l’ha sempre avuta, Tommy Robredo: corse e rincorse sul campo, uno di quegli avversari che ti fanno sempre sudare per ogni 15, lui che regala poco e non si arrende mai. A causa di un infortunio al gomito destro è stato costretto lontano dal campo per 6 mesi, ma ora è pronto al rientro, Robredo si appresta a fare il suo ritorno la prossima settimana all’Open di Moselle a Metz.

Stop forzato: il 34enne ha disputato l’ultima gara ufficiale nel mese di febbraio a Dubai, dove perse al primo turno contro Novak Djokovic, dopo quell’incontro l’intervento chirurgico, poi tanta tanta riabilitazione. “E ‘stato difficile”, ha detto Robredo ai microfoni di ATPWorldTour.com. “in primo luogo prendere la decisione di intervenire chirurgicamente, perché dopo Dubai ho avuto uno strappo del tendine e ho cercato di evitare la sala operatoria. Ho trascorso qualche tempo a fare riabilitazione, ma dopo un mese e mezzo, abbiamo visto che la situazione non migliorava e quindi abbiamo optato per l’intervento chirurgico. “

Tempi lunghi per il rientro: dopo rl’infortunio a Dubai, Robredo inizialmente sperava di tornare ad aprile per il torneo di Barcelona, ma i medici hanno confermato che l’intervento chirurgico sarebbe stato il modo migliore per sopperire alla situazione e tornare al meglio in campo. “Tecnicamente sono passati quattro mesi di recupero”, ha detto Robredo. “I primi due mesi sono stati difficili perché si deve fare i conti con la lontananza dagli allenamenti e dalle competizioni. Il terzo e il quarto mese, quando si sa che si sta avvicinando il rientro, partendo da un gradino più basso, sei eccitato di tornare. “

Le parole di Robredo, che può vantare 19 anni di esperienza come professionista, sono piene di gratitudine per il team che ha intorno a sé e le persone più vicine a lui che sono state una componente importante del suo recupero. “Il sogno di tornare è sempre stato lì, ho lavorato giorno dopo giorno con la mia squadra, con il fisioterapista, con il mio allenatore. Tutto aiuta“, ha detto Robredo. “E ‘andato tutto bene.  Essendo a casa con la mia famiglia, con i miei amici, con la mia ragazza ha significato molto ed il mio ritorno è stato più veloce e più piacevole.”
Lo spagnolo, che ha ricevuto una wild card per il Mosella Open, dove ha sollevato il trofeo nel 2007 (battendo Murray), ha partecipato anche al Challenger di Genova la scorsa settimana. “Non vedevo davvero l’ora di giocare di nuovo. Ora a Metz, penso di giocare meglio. “

Sono solo 6 le partite del 2016 per lo spagnolo e Robredo è pronto per godersi questo finale di stagione. “L’obiettivo è quello di giocare il maggior numero di partite possibile in modo che il mio braccio possa migliorare e per iniziare il 2017 al top della forma,” ha detto lo spagnolo. “Potranno esserci alcuni mesi difficili d’ora in avanti perché dover iniziare a giocare con il dolore è fastidioso e non è facile. L’obiettivo è quello di tornare al 100 per 100 l’anno prossimo e dare tutto me stesso per vedere se siamo in grado di gareggiare al meglio e tornare dove voglio davvero essere nel circuito ATP”.

Buon rientro Tommy.


Nessun Commento per “TOMMY ROBREDO TORNA DOPO 6 MESI DI STOP”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.