TONI NADAL: “NON MI ASPETTAVO RAFA SUBITO IN PALLA”

Lo Zio Toni parla del nipote e non solo, partendo dalla sfida di Davis

Tennis. Toni Nadal non è più il coach di Rafa, ma segue il nipote e ne cura l’accademia di Maiorca. Interrogato sullo stato di forma del n.1 al mondo e sulle prospettive future ecco come ha risposto.

Mi ha sorpreso il livello tennistico che ha mostrato. Non l’ho seguito molto negli allenamenti ma da quel che so si è preso una lunga pausa, dopo della quale non si è allenato molto. Ha vinto in maniera netta contro un gran giocatore quale è Alexander Zverev, che aveva già dimostrato di giocare bene sulla terra vincendo il titolo di Roma lo scorso anno. Deve fare qualche aggiustamento, ma è normale dopo tanto tempo fuori dalle competizioni. Nonostante questo, il livello che ha dimostrato fa ben pensare per la stagione sulla terra battuta”.

Valencia ha ospitato alla grande la Davis Cup, in una cornice unica: “Si sono molto esposti per questa competizione ed hanno fatto bene, con la “Plaza de toros” riempita tutti e tre i giorni e un grande ambiente. Adoro questo formato, e questa competizione mi ha fatto vivere le emozioni più forti della mia vita. Sono cosciente, però, che non sia molto comodo per i giocatori, e bisognerebbe trovare una soluzione“.

Tra un paio di mesi il torneo di Maiorca, di casa per i Nadal: “Dobbiamo consolidare il torneo, e fare in modo che sia conosciuto dalla gente del posto. E’ una cosa molto positiva avere un torneo del genere, per il tennis spagnolo, e poter contare su giocatrici come Angelique Kerber o Carla Suarez in questa edizione è ancora meglio“.


Nessun Commento per “TONI NADAL: "NON MI ASPETTAVO RAFA SUBITO IN PALLA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.