TONI NADAL: “PER RAFA SARA’ IMPORTANTE LA PRIMA SETTIMANA”

Toni Nadal crede nelle possibilità di vittoria di Rafa anche se, a detta del tecnico iberico, tutto dipenderà dalla prima settimana del torneo.
sabato, 27 Giugno 2015

TENNIS – Per la prima volta da quando aveva 17 anni, Rafael Nadal arriverà ai cancelli in ferro battuto dell’ All England Club senza la fiducia in se stesso. Una fiducia che, purtroppo per il maiorchino, pare essere persa dopo l’eliminazione per mano di Djokovic al Roland Garros ed un 2015 fatto, al momento, di molte ombre più che di luci. Anche se ha vinto il torneo di  Stoccarda la settimana scorsa, Nadal ha, ad ogni modo, attraversato nuovamente momenti di difficoltà agli Aegon Championships della scorsa settimana al Queen’s Club di Londra, dove è stato estromesso al primo turno.

“E’ ovvio che ogni sconfitta ti porti ad essere meno sicuro di te stesso”, ha detto Toni Nadal, allenatore e zio dell’ex numero uno del mondo. “E’ un vero peccato che Rafael stia attraversando un momento decisamente non all’altezza del suo tennis. Questo, unito al fatto che nel 2015 abbia perso molti match, lo port ad essere meno tranquillo del solito. Ma niente drammi. Il suo gioco non è affatto un problema, ha soltanto bisogno di sentire più fiducia”. 

Anche se lo zio Toni lo ha, giustamente, inserito nel lotto dei probabili vincitori a Wimbledon (successo che potrebbe portare lo spagnolo a tre titoli sull’erba londinese), lo stesso ha però chiarito che, al momento, giocatori come Djokovic, Murray, Federer e Wawrinka, sono decisamente più in ‘palla’ del nipote. Molto potrebbe dipendere, a detta del coach del mancino più famoso del circuito, da come possa evolversi la prima settimana del torneo. Quello è, al momento, l’obiettivo primario che il duo ha ben chiaro in mente. Superato quest’ostacolo, poi, potrebbero aprirsi scenari davvero interessanti.

“Quando Rafael ha giocato a Stoccarda, battendo alcuni ottimi giocatori, abbiamo dimostrato che il suo problema è, in effetti, un non problema”, ha detto Toni a margine della promozione della nuova accademia sponsorizzata proprio da Rafa a Maiorca. “Prima che Rafael venisse qui a Londra eravamo molto contenti della settimana a Stoccarda. Ovvio che, perdere al primo turno al Queen’s non fa mai piacere ma la sua voglia di ribaltare il risultato specie nel set finale mi ha lasciato piuttosto tranquillo. Ora cominciamo un nuovo percorso, e continuo a pensare che abbia tranquillamente le chance per provare a fare il tris a Wimbledon”.

L’ultima volta che Nadal ha giocato Wimbledon senza lo status da campione del Roland Garros è stato nel lontano 2003. Il due volte campione di Wimbledon nel 2008 e nel 2010, negli ultimi anni, ha però assaggiato amare sconfitte proprio sul centrale di Londra. Sconfitte, alcune, che tutt’ora il maiorchino fatica a digerire.

Dopo aver perso al secondo turno nel 2012 per mano di Lukas Rosol, debacle quest’ultima considerata come lo spartiacque della ‘crisi’ nadaliana, Rafa ha perso, ancora, nel 2013 contro la belga Steve Darcis. La scorsa estate, Nadal, è stato vittima della freschezza atletica e della dirompente voglia di spaccare il mondo di Nick Kyrgios al quarto turno. Il giovane australiano, in quel match, ha persino ‘scherzato’ l’iberico con alcuni colpi da fuoriclasse assoluto.

Ma la vera forza di Nadal, negli anni, è sempre stata la feroce cultura del lavoro anche dopo tremende batoste. Il terzo titolo qui a Londra potrebbe collocare il talento di Manacor agli stessi livelli di leggende del calibro di John McEnroe e Boris Becker, entrambi a quota tre affermazioni ai Championships.

“Negli ultimi anni, Rafael ha avuto molti problemi alle ginocchia”, ha detto Toni. “E ‘stato difficile per lui giocare a Wimbledon. L’anno scorso è stato un po’ diverso, e quest’anno le ginocchia fanno meno male. Credo che possa vincere Wimbledon quest’anno. Per me, sì, che è possibile, ma è anche vero che non è uno dei più grandi favoriti”.

 


Nessun Commento per “TONI NADAL: "PER RAFA SARA' IMPORTANTE LA PRIMA SETTIMANA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.