TONI NADAL SHOCK: “RAFA E’ UN INFORTUNATO CON LA RACCHETTA”

Lo zio di Nadal rivela preoccupanti pensieri riguardo la salute di Rafa

Tennis. Sono preoccupanti le dichiarazioni di Toni Nadal, zio di Rafa, riguardo le condizioni di salute del nipote. Questa la previsione dell’ex coach a riguardo.

“Rafa non è un giocatore di tennis. E’ una persona infortunata che gioca a tennis. Vuole continuare a giocare, a prescindere dai suoi problemi fisici. Chissà, due o tre anni ancora. Fino a quando, non lo sa nessuno”. L’obiettivo è migliorare, ancor prima di vincere. Rafa deve concentrarsi su quello che può fare lui, così si costruiscono i successi. Poi nei tornei ci sono anche gli avversari, non possiamo sapere cosa faranno Federer o Djokovic. Deve soltanto pensare a se stesso. La cosa più importante è che lui e Moya si apprezzano e si rispettano a vicenda, è fondamentale.”

Una bella stoccata alla nuova generazione di tennisti: Ho visto giocare tanti ragazzi giovani e non danno tutto in campo. Ho visto perdere negli anni Nadal, Federer e Djokovic e loro hanno sempre dato il massimo. Quando noi siamo arrivati sul circuito, i migliori giocatori al mondo avevano meno di 25 anni. Oggi i migliori hanno 30, 32 o 37 anni.”

Uno di questi ha parlato proprio di Rafa, il canadese Shapovalov: “Per quanto riguarda Nadal, ho sempre adorato il suo spirito combattivo. Non ti offre mai dei vantaggi, la sua mentalità è incedibile. Ho cercato di riproporre questa atteggiamento nelle mie partite. Ho avuto la fortuna di giocare contro di lui un paio di volte ed ho capito che non bisogna rilassarsi neanche sul 40-0 e servizio. Onestamente, penso che ognuno di loro mi abbia insegnato tanto, sono tre grandi esempi da seguire”.


Nessun Commento per “TONI NADAL SHOCK: "RAFA E' UN INFORTUNATO CON LA RACCHETTA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.