TONI NADAL: “UN ALTRO SLAM? RAFA DEVE CREDERCI”

Lo zio e allenatore sprona il maiorchino, che sembra aver ritrovato la giusta serenità durante le esibizioni autunnali. Già da Melbourne serve la scossa per cambiare un'inerzia sfavorevole

TENNIS – È stato un anno difficile, senza dubbio il più complicato di tutti, ma c’è ancora chi crede in lui e, dopo le ultime settimane, ha ottime ragioni per farlo. Anche nei momenti più duri, Toni Nadal non ha mai abbandonato suo nipote Rafa, da cui si aspetta un ritorno al top nel 2016.

Ai microfoni di Espn, il coach del maiorchino ha espresso il suo parere su ciò che succederà sul campo tra qualche settimana: “Il fattore più importante è la tranquillità, è quello che ho sempre detto. Rafa sta lavorando lontano dalle pressioni degli anni scorsi e i risultati si sono già visti durante le esibizioni di novembre e dicembre. Adesso è il momento di compiere un nuovo salto di qualità: a trent’anni è difficile, ma gli stimoli non mancano”.

Il 2015 si può definire un anno frustrante? “Non sarei così drastico – spiega Toniperché Nadal ha dimostrato di poter tirare fuori il meglio anche nei momenti difficili. Certo, ci sono periodi favorevoli e altri in cui non te ne va bene una, ma la seconda parte di stagione è stata sicuramente migliore della prima. Le vittorie su Wawrinka e Murray gli hanno permesso di disputare un buon torneo delle Finals, la finale persa a Basilea ha confermato che, se vuole, Rafa può ancora tener testa ad un Federer fuori dal comune. Bisogna ripartire da questi cardini per far bene l’anno prossimo”.

Per quanto riguarda il capitolo Grande Slam, c’è da lavorare ma con calma e fiducia. L’allenatore non carica di aspettative Nadal: “Bisogna crederci, anche quando si affrontano avversari che non sembrano alla portata. È un percorso complicato, ma Rafa ha tutte le credenziali per trionfare in un altro major. Ovviamente il primo obiettivo in ordine cronologico è Melbourne, ma dipende anche dalle attitudini: a Wimbledon sta facendo fatica, mentre a Parigi può dire la sua anche tra qualche mese. Non so se riuscirà a raggiungere gli Slam di Federer, ma sicuramente può fungere da stimolo. Vedremo come andrà in Australia, poi tireremo le prime somme”.

Fiducia incondizionata, dunque, da parte di Toni Nadal. Rafa può ancora farsi valere tra i grandi dell’ATP, anche se dovrà sgomitare con più veemenza rispetto alla stagione appena conclusa. Da gennaio si comincerà ad analizzare la possibilità di una risalita.


Nessun Commento per “TONI NADAL: "UN ALTRO SLAM? RAFA DEVE CREDERCI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.