TORONTO: RADWANSKA E NA LI CINICHE, SERENA DI FORZA

TENNIS - Aga Radwanska regola Sloane Stephens 6-1 7-6. Si decide al tie-break del terzo set il confronto tra Ana Ivanocic e Na Li: la cinese è più solida nei momenti clou. Marion Bartoli si ritira dopo aver perso il primo set contro la Rybarikova. Serena Williams domina la Flipkens 6-0 6-3. Fuori Jankovic mentre Petra Kvitova batte la Stosur.
giovedì, 8 Agosto 2013

Toronto. Giornata di ottavi di finale alla “Rogers Cup”. Le prime a scendere in campo sono la numero quattro del mondo Agnieszka Radwanska e la quattordicesima del ranking WTA Sloane Stephens.  Sin dai primi frangenti la ventenne di Plantation cerca di prendere in mano le redini del gioco onde evitare di finire impigliata nella rete della polacca che dal canto suo cerca di far leva sulle sue proverbiali geometrie capaci di disegnare il campo allo scopo di creare velenosi grovigli. La tattica paga Aga che senza batter ciglio si fionda sul 3-0. Tenuto il proprio turno di battuta, sul 3-1 Radwanska, la Stephens mette a segno due accelerazioni di diritto che le garantiscono due palle break consecutive. Agnieszka annulla la prima palla del 2-3 aprendosi il campo con una prima di servizio ad uscire rafforzata da un diritto in lungolinea, mentre nella seconda palla break viene graziata da un nastro che, pur aggiustando la palla alla sua avversaria, la induce a tentare un vincente che finisce in corridoio. Sul 40-40 però il net rimedia al torto, aiutando questa volta la Stephens durante l’esecuzione di uno smash. Annullata la terza palla break, la Radwanska scende a rete a prendersi il vantaggio ma, nel punto successivo, Sloane Stephens le fa fare il tergicristallo per l’intero rettangolo prima di chiudere con un diritto a sventaglio. Sul 40-40, ancora in debito di ossigeno, la Radwandka cerca un’improbabile smorzata. La Stephens però si lascia sfuggire anche la quarta opportunità del 2-3 e, a conti fatti, si può dire che insieme ad essa sfuma il primo set. Presasi il 4-1 con una volée in allungo, la polacca strappa a zero la battuta a Sloane e si lancia alla conquista della prima frazione, conclusasi 6-1. Nel secondo set la Stephens riparte all’arrembaggio e la pressione sotto cui comprime la Radwanska le frutta non solo una serie di vincenti ma anche qualche errore della polacca che contribuiscono a donarle il break al quarto game. Issatasi 4-1, l’americana non riesce a riprendere fiato che già la “tessitrice” cerca di incastrarla. Decisivo è questa volta il settimo game con la Stephens che non riesce a concretizzare il 5-2 e viene punita con il contro-break. Da questo momento ognuna tiene senza patemi il proprio turno di battuta ma, sul 5-5, è la numero 17 del mondo a dover salvare due mortifere palle break. E’ l’ultimo respiro di Sloane che, incapace di vincere un solo 15 nel dodicesimo game, si trova trascinata in un tie-break dove, forse per la prima volta nel match, è subisce impotente tutto il peso di Aga, che chiude 6-1 7-6.

Si affrontano dopo sei anni la cinese Na Li e l’ex numero uno del mondo Ana Ivanovic. Risale infatti al torneo di Berlino del 2006 l’unico precedente tra le due, vinto dalla cinese che oggi ha concesso il bis. Parte in quinta la serba che, fedele alla propria indole, crea e distrugge a proprio piacimento, lasciando alla cinese ben pochi spazi per dire la propria. E così che dal break ottenuto al secondo game, Ana predispone subito le cose affinché la sua avversaria torni di prepotenza nel match e la riagguanti sul 2-2. La ventiseienne di Belgrado però non accusa il colpo e, tempo pochi minuti piazza il break che riuscirà a conservare fino al 5-3 quando, al quarto set point si intasca la prima manches. Tutto sembra procedere liscio per Ana Ivanovic che in apertura di secondo set strappa a 15 la battuta alla trentunenne di Wuhan ma, da quel momento, le ataviche fragilità della serba si palesano in tutta la loro drammaticità. Per quanto Na sfoderi una serie di vincenti, Ana inizia infatti a buttare in ogni dove palline che è più difficile sbagliarle che tirarle in campo. Il 6-1 per la numero cinque del mondo è fulmineo. Eppure la serba non si scompone: resetta il mirino nel diritto, scappa 3-0 e gestisce con autorità il vantaggio finché, sul 5-3 perde a 15 il proprio turno di battuta per poi farsi acciuffare sul 5-5. E’ un net provvidenziale a prendere per mano Ana Ivanovic ed a condurla al tie-break. A questo punto però, la serba si ritrova stritolata da Na Li. 3-6 6-1 7-6 lo score a favore della cinese.

Assente dal Circuito dal 6 luglio, giorno in cui ha trionfato a Wimbledon, Marion Bartoli, si è ritirata, per il riacutizzarsi di un infortunio, dopo aver perso il primo set contro la slovacca Magdalena Rybarikova. Una frazione che ha superato l’ora e mezza di gioco, in cui il gioco ricco di cambi di ritmo e proiettato a rete della Rybarikova ha snervato la transalpina. Si è rivelata invece una pura formalità la partita che ha visto Serena Williams spazzare via in appena 55 minuti la belga Kirsten Flipkens con il punteggio di 6-0 6-3. Cade invece la quindicesima testa di serie del seeding, la serba Jelena Jankovic. Artefice dell’eliminazione è Sorana Cirstea, impeccabile nel redarguire l’ex numero uno del mondo con un netto 6-3 6-4. Il match programmato nella sessione serale ha infine visto la campionessa uscente del torneo, la ceca Petra Kvitova avere ragione su Samantha Stosur con un doppio 6-3. La prima frazione è stata decisa da un solo break messo a segno al sesto game e gestito con sicurezza dalla Kvitova fino al 5-3 quando ha dovuto annullare cinque palle break prima di ottenere il 6-3 alla quarta opportunità. Il secondo set è invece una sorta di cavalcata sin solitaria per la numero sette del mondo che scappa 4-0. Il risveglio della Stosur è questione di una manciata di game in cui recupera uno dei due break di svantaggio, per infine cedere nuovamente il servizio sul 3-5 ed aprire la strada dei quarti alla sua avversaria.

Toronto. Singolare femminile. Ottavi di finale:

Serena Williams (Usa) [1] def. Kirsten Flipkens (Bel) [13] 6-0 6-3

Agnieszka Radwanska (Pol) [3] def. Sloane Stephens (Usa) [14] 6-1 7-6

Sorana Cirstea (Rou) def. Jelena Jankovic (Srb) [15] 6-3 6-4

Na Li (Chn) [4] def. Ana Ivanovic (Srb) [16] 3-6 6-1 7-6

Sara Errani (Ita) [5] def. Alize Cornet (Fra) 7-5 7-6

Petra Kvitova (Cze) [6] def. Samantha Stosur (Aus) [12] 6-3 6-3

Magdalena Rybarikova (Svk) def. Marion Bartoli (Fra) [7] 7-6 1-0 ret.

Dominika Cibulkova (Svk) def. Roberta Vinci (Ita) [10] 6-3 7-6


1 Commento per “TORONTO: RADWANSKA E NA LI CINICHE, SERENA DI FORZA”


  1. renato ha detto:

    ecco la Kvitova che piace a me,la Stosur non era certo una cliente facile,ma è Petra che impone il suo gioco,quando gioca cosi,tranquilla,serena,senza voler stravincere…vincerà sempre!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SERENA PESCA RADWANSKA, SHARAPOVA CON AZARENKA TENNIS - A Parigi sono stati sorteggiati i tabelloni della 112esima edizione del Roland Garros: la numero uno del mondo è stata abbinata nella potenziale semifinale alla Radwanska, mentre […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL TABELLONE FEMMINILE È stato estratto il main draw femminile della 101esima edizione dello Slam australiano. Serena Williams è stata sorteggiata nella parte di tabellone presidiata da Victoria Azarenka. […]
  • ‘SARITA’ CHIUDE L’ANNO CON IL BEST RANKING L’azzurra termina la sua stratosferica stagione centrando il miglior piazzamento di un'italiana a fine anno, con il sesto posto. Nella top ten perde due posizioni Petra Kvitova, mentre al […]
  • MASTERS WTA: L’ORA DELLA VERITA’ Dopo Kvitova ed Azarenka, le finali WTA cercano le altre semifinaliste. Li e Stosur si sfidano per un posto, mentre la Radwanska deve togliere un set alla Kvitova per avanzare
  • WTA DUBAI: SERENA SI RITIRA. BENE RADWANSKA, STOSUR E KVITOVA TENNIS - Serena Williams si ritira dal torneo di Dubai a causa di problemi alla schiena. Agnieszka Radwanska supera 7-5 6-3 la speranza Yulia Putintseva. Vittoria su misura di Petra […]
  • ITALIANE ALLA RISCOSSA TENNIS – Roberta Vinci, Flavia Pennetta e Karin Knapp. L’Italia manda in campo le sue tre sorelle nel Super Monday, per riportare una o più bandiere tricolori ai quarti di finale di […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.