TRIONFO DJOKOVIC SU DEL POTRO, SHANGHAI È ANCORA SUA

TENNIS – In una finale spettacolare, il serbo Novak Djokovic regola in tre set l’argentino Juan Martin Del Potro con il risultato di 6-1, 3-6, 7-6 e si porta a casa il secondo titolo consecutivo e il 15° Master 1000 della sua carriera.
domenica, 13 Ottobre 2013

Tennis, Shanghai (Cina) – Secondo titolo di fila allo Shanghai Rolex Masters per il serbo Novak Djokovic che batte un altrettanto splendido Juan Martin Del Potro in una finale degna dei due giocatori in campo. 6-1, 3-6, 7-6 il risultato finale, che ha premiato il serbo in 2 ore e 32 minuti di gioco e gli ha consegnato il suo quindicesimo titolo Master 1000 in carriera.

C’è davvero poco da dire riguardo il primo set di questa finale. Apre al servizio il n°2 del mondo Novak Djokovic, subito break a seguire e 2-0. Due opportunità di contro-break per Del Potro, decisamente sottotono, che però non capitalizza. Ancora break nel game successivo e servizio a favore del serbo per una partita che si sposta rapidamente sul 5-0 nel primo parziale. Pochi vincenti e servizio meno solido del solito per il Palito che ieri aveva dominato Nadal e che oggi, per la prima volta nel torneo, sembra essere in difficoltà: pochi vincenti e solo il 50% di prime di servizio. Sul 5-0 e servizio per Del Potro l’argentino continua a rincorrere e deve annullare due set point e attendere un rovescio lungo del serbo per evitare il bagel nel primo set. Altri due match point sul turno di servizio e primo parziale che va comunque a Djokovic 6-1 in 35 minuti.

Riapre con vigore l’argentino che tiene il servizio e chiude il primo game con due ace. Nel secondo game il serbo va sotto 0-30 per la prima volta in un turno di servizio e presto si trova a fronteggiare due palle break. Due errori di dritto e una splendida risposta di Delpo portano il secondo set 2-0 e servizio, con l’argentino che vince sei degli ultimi sette punti e va al servizio forte di un solido inizio. L’argentino ritrova confidenza con il suo dritto devastante e mette a segno i colpi necessari a portarsi avanti in questo secondo set, ace e 3-0. Tiene il servizio con difficoltà Nole, che perde solidità in battuta, mentre l’argentino chiude il quinto game a zero, portandosi in vantaggio 4-2. Ma il risveglio del serbo pare non si faccia attendere. Sul turno di servizio dell’argentino Djokovic si porta sullo 0-40 ma si vede rimontare da un grandioso Del Potro che porta il game al deuce, ottiene il vantaggio e con un dritto lungo del serbo si assicura il game di servizio, 5-2. Tiene il servizio il serbo ma risponde bene Del Potro che tiene il proprio a zero, chiudendo il secondo set 6-3 in 44 minuti.

Il terzo set si apre con un buon turno di servizio del serbo che tiene la battuta mettendo a segno tre ace. Stessa sorte per il turno di servizio dell’argentino, solido ed efficace, 1-1. Altro buon turno di servizio del serbo, ma non altrettanto buono il seguente per l’argentino che dallo 0-30 perde due punti e rischia su una seconda di servizio mentre il game, sostenuto da un errore del serbo arriva al deuce. Vantaggio Del Potro e 2-2 in un match che adesso vede i due giocatori giocare entrambi ad un livello molto alto. nIn un game tribolato ma molto bello Djokovic deve fronteggiare un break point essendo stato in vantaggio 40-15 ma risolve tutto con un ace. Non si da per vinto l’argentino ma il nastro non lo aiuta e vantaggio e game per il n°2 del mondo, 3-2. Nel sesto game due errori dell’argentino danno vigore a Djokovic che si porta in vantaggio 40-15 ma non sfrutta la prima palla break a disposizione e nemmeno la seconda grazie ad uno strepitoso Del potro che comanda uno scambio avvincente e chiude con un dritto che il serbo non può raggiungere nemmeno in aeroplano. Ace Del Potro ed un lob fuori dal campo da parte di Nole consegnano il 3-3 all’argentino. Un errore a campo aperto sul primo 15 del game da vigore a Djokovic che tiene il servizio a zero e adesso l’epilogo del match è più vicino, nessun break e tanta tensione sul 4-3 per il serbo. Ma il match adesso è in pericolo per l’argentino quando da un vantaggio di 40-15 si trova a fronteggiare un deuce dopo un dritto lungo ma di poco, non chiama il challenge e va avanti. Il 4-4 arriva dopo una buona prima di servizio, 67% di punti sulle prime di servizio e 57% sulle seconde. Il serbo apre il nono game del terzo set con un ace ma su una seconda di servizio il nastro punisce il passante di Del Potro. Altro dritto sulla rete e palla del 5-4 per Djokovic che capitalizza e tiene a zero il turno di servizio. L’argentino serve ora per rimanere nel match ma comincia male con un dritto fuori e subito 0-15 per il serbo. Ben presto il serbo si porta in vantaggio 40-15 ma di cuore l’argentino recupera, annulla due match point e porta a casa il game tra il fragore dei suoi ultras e la rabbia dell’avversario, 5-5. Terzo turno di servizio consecutivo tenuto a zero per Djokovic e arriva il momento della svolta, l’argentino ancora una volta serve per rimanere nel set e porta il match al tie-break. Il primo mini-break arriva premia il serbo, subito recuperato, 2-2. Altro passo avanti del serbo dopo uno scambio al cardiopalma, 4-2. Il serbo ingrana la marcia e si porta sul 6-3 tra il sostegno dei suoi tifosi. Niente da fare per Del Potro che cede di fisico e fiato: il serbo si porta a casa tie-break 7-3, match e mantiene il titolo di Shanghai. Il primo master 1000 di Del Potro può aspettare mentre il campo incorona uno splendido Djokovic in 2 ore e 32 minuti.


Nessun Commento per “TRIONFO DJOKOVIC SU DEL POTRO, SHANGHAI È ANCORA SUA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.