TRIS D’ASSI AL BONFIGLIO

Dopo la disfatta di martedì, l’Italia junior del tennis torna a sorridere grazie alle vittorie di Colella, Caregaro e Burnett. Out la Confalonieri. Oggi gli ottavi
giovedì, 20 Maggio 2010

Milano – Pochi ma buoni. Mai come in questa circostanza l’inflazionato slogan può essere utilizzato con cognizione di causa. Dopo il famigerato martedì nero, giorno di un’autentica Caporetto azzurra che ha visto soccombere ben sette italiani su otto, è arrivato il giorno del riscatto. Dei quattro azzurri impegnati ieri, infatti, ben tre sono riusciti a portare a casa i rispettivi match: si tratta di Alessandro Colella, Martina Caregaro e Nastassja Burnett. È stata purtroppo eliminata Valentine Confalonieri. Vediamo nel dettaglio quanto è accaduto nella giornata di mercoledì sui campi in terra battuta del Tennis Club Milano “Alberto Bonacossa”, dove sono stati disputati gli incontri validi per il secondo turno del Trofeo Bonfiglio.

Colella “fighter”. Partiamo dall’unico nostro rappresentante ancora in gara nel tabellone maschile, il torinese Alessandro (per gli amici Alex) Colella. Il giovane azzurro, reduce da un ottimo periodo di forma nell’ultimo mese e mezzo durante il quale è riuscito ad inanellare due vittorie (Cap D’Ail e Salsomaggiore), una finale (Firenze) e una semifinale (Santa Croce), è salito fino alla 30esima posizione del ranking juniores, lui che fino all’inizio dell’anno non aveva praticamente classifica, essendosi dedicato quasi esclusivamente ai Futures nella stagione 2009. Il ragazzo piemontese, uno degli allievi più promettenti del Centro Tecnico Federale di Tirrenia, ha dovuto sciorinare in campo tutte le sue armi migliori, ossia corsa, tenacia e colpi “arrotati”, per venire a capo del match che lo vedeva contrapposto al giapponese Uchiyama, testa di serie numero 7 del tabellone. A conferma delle sue qualità da “fighter”, Colella è riuscito a rimontare un break di svantaggio in entrambi i set, chiudendo la pratica nipponica in due parziali molto combattuti col punteggio di 6-4 7-5. Negli ottavi se la vedrà con testa di serie numero 10, il bosniaco Damir Dzumhur, da cui è stato sconfitto nella recente finale del torneo di Firenze. “E’ un giocatore piccolino e sa fare un po’ tutto – ha dichiarato Colella a Supertennis – ma sono contento di come sto giocando, soprattutto nei momenti importanti”.

Caregaro e Burnett d’assalto. Nel giorno del suo diciottesimo compleanno, festeggiato con tanto di torta e candeline spente accanto al coetaneo Colella, Martina Caregaro coglie un’altra facile vittoria nel suo incontro di secondo turno, che la vedeva opposta alla bulgara Viktoriya Tomova. La valdostana, che si allena a Roma con Martina Di Giuseppe sotto la sapiente guida della coppia Francesco Elia-Silvia Farina, ha sempre tenuto in mano il pallino della partita, regolando con autorità la bulgara con il punteggio di 6-4 6-2. Intervistata alla fine del match, la neomaggiorenne ha così risposto ai microfoni della tv federale: “Stasera festeggerò coi nonni a cena perché domani mi aspetta un’altra sfida delicata. Siamo solo agli ottavi e il torneo non è ancora finito”. L’avversaria di domani sarà la slovacca Chantal Skamlova, avversaria da prendere con le molle perché capace di eliminare al primo turno la quotata russa Yulia Putintseva. Non da meno è stata la prova di forza di cui si è resa protagonista l’altra bella speranza italiana della classe 1992, la “pariolina” Nastassja Burnett. La tennista romana ha mostrato incoraggianti progressi sotto il profilo della continuità rispetto al match d’esordio contro la qualificata croata Pera, lasciando appena cinque giochi alla malcapitata di turno, la francese Clothilde De Bernardi, regolata con il punteggio di 6-4 6-1. A voler essere pignoli, l’unica nota stonata nel match odierno riguarda l’aspetto atletico della giovane azzurra, che ha ancora notevoli margini di miglioramento per quanto riguarda gli spostamenti, mentre dal servizio ricava ancora una bassa percentuale di prime. Domani affronterà l’ungherese Timea Babos, numero 4 del ranking junior, già affermatasi a livello professionistico, con i suoi 3 tornei ITF vinti.

Bye bye Valentine. L’unica sconfitta della giornata è arrivata dalla ligure Valentine Confalonieri, superata in due set (6-3 6-4) dalla testa di serie numero 4 del seeding, la russa Gavrilova, tennista dal caratterino niente male. La Confalonieri ha laconicamente commentato la propria delusione: “Sono arrabbiata più che delusa. Sono stata troppo discontinua. Adesso giocherò la Serie A e tornerò nel circuito Itf col 25000$ di Campobasso”.


Nessun Commento per “TRIS D'ASSI AL BONFIGLIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BYE BYE ITALIA Al Bonfiglio si ferma in semifinale la corsa della Burnett, sconfitta dall’italo-americana Capra. Finale femminile a stelle e strisce, tra i maschi sarà derby dell’est
  • LE FUTURE STELLE AL BONFIGLIO È scattata ieri la 51esima edizione degli Internazionali d’Italia juniores. Bilancio azzurro agrodolce: subito out Gaio, avanzano Confalonieri e Caregaro. Impressiona l’italo-americana Capra
  • CAPORETTO ITALIA Seconda giornata da dimenticare per i nostri giovani al Trofeo Bonfiglio. Fuori sette azzurri, si salva solo la Burnett. Oggi in campo Colella, Caregaro e Confalonieri
  • BURNETT AL CARDIOPALMO La diciottenne romana si aggiudica il derby contro Martina Caregaro, piegata dopo quasi tre ore di lotta. In semifinale al Bonfiglio affronterà l’italo-americana Capra
  • UNA CONTRO L’ALTRA Martina Caregaro e Nastassja Burnett approdano ai quarti del Trofeo Bonfiglio, dove si sfideranno per la prima volta nella loro giovane carriera. Fuori Colella
  • 58° TROFEO BONFIGLIO: L’ULTIMO ATTO DEI CAMPIONI DI DOMANI Disputate oggi le semifinali del 58° Trofeo Bonfiglio, in scena sui campi Tc Milano Alberto Bonacossa.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.