TUTTO FACILE PER NADAL, SUPER WAWRINKA CON GASQUET

TENNIS - Bastano due ore al maiorchino per scoraggiare le velleità di Kei Nishikori ed accedere ai quarti di finale grazie ad una vittoria in tre set. Il solito incorreggibile Stan Wawrinka rimonta due set ad un ottimo Gasquet e si assicura il quarto di finale con lo spagnolo
lunedì, 3 Giugno 2013

Tennis. Roland Garros (Parigi). Spettacolo puro al Suzanne Lenglen. In serata si è consumata la grande vittoria del numero 10 del mondo Stanislas Wawrinka su Richard Gasquet. Il match ha assegnato l’ultimo posto disponibile nei quarti di finale, nello specifico quello accanto al campione in carica Nadal. Vittoria di nervi e di sudore per il numero due elvetico riuscito con caparbietà a capovolgere lo score che alla fine del secondo set non lo vedeva per niente favorito. Un buonissimo Gasquet che per lunghi tratti ha fatto sognare il suo pubblico, ma che non ha saputo sfruttare le sue occasioni, parliamo in particolare delle due palle break maturate nel quinto set sul punteggio di 5 pari. Quel dritto finito “gratuitamente” lungo dopo il colpo interlocutorio dell’avversario un po’ sulle gambe ha fatto la differenza nell’economia del match. Gasquet approccia l’incontro con una certa sofferenza sul servizio, ma grazie alle prime riesce a far fronte alle difficoltà annullando le cinque palle break concesse nei due turni di battuta iniziali. Dopo di che il transalpino prende le misure pur non riuscendo a scalfire le difese dell’elvetico, molto solido, almeno fino al tie break quando la sua ottima difesa costringe all’errore il dirimpettaio che manda il dritto fuori giri e finisce col perdere il parziale. L’elvetico accusa il colpo e cede un break in apertura di secondo soffrendo la ritrovata profondità dei colpi del padrone di casa. Le difficoltà continuano anche nel terzo gioco, Stan continua concedere troppo, annulla due palle break, ma alla terza capitola di nuovo. Gasquet prende il largo ed arriva a servire per il secondo set sul 5-2. Qui lo svizzero accorcia strappando un primo controbreak, ma alla seconda opportunità il francese non si fa pregare e chiude. Dopo aver ipotecato il match, il transalpino accusa un fatale calo di tensione e Wawrinka è lesto ad approfittarne. Annullate due pericolose palle break sul due pari, l’elvetico è molto cinico a sfruttare un pessimo turno di servizio dell’avversario che sul 5-4 gli concede ben tre palle break. Basta l’affondo di dritto a Stan per chiudere il discorso ed accorciare le distanze. Il quarto e quinto set sono di gran lungo i più spettacolari: i due tennisti danno prova dei loro virtuosismi tecnici, le accelerazioni di dritto e di rovescio sono una gioia per gli occhi, ma le numerosissime occasioni di allungare capitate da una parte e dall’altra non trovano riscontro nel concreto. Wawrinka sul 4-3 sprecherà ben sei palle break prima che il francese riesca a mantenere intonso il servizio. Servizio che il padrone di casa finirà per cedere nel dodicesimo gioco, sancito da un magnifico affondo dello svizzero con il dritto lungolinea che gli garantisce l’approdo al quinto set. Il parziale decisivo è una battaglia di nervi con i due contendenti che concedono pochissimo in battuta fino al 5 pari. A questo punto Gasquet è chiamato a scartare due regali che corrispondono a due occasioni di break: la prima viene abilmente annullata dal tennista in battuta, la seconda è malamente gettata alle ortiche dal tennista indigeno che sciupa dunque un’opportunità ghiottissima. Gasquet pagherà l’errore poco dopo, sul 7-6 Wawrinka, dopo un rovescio sparacchiato in orbita causa falso rimbalzo della pallina. A decidere il tutto, l’ennesimo dritto lungolinea dell’elvetico che gli garantisce il primo quarto di finale in carriera al Roland Garros: risultato che forse non gli restituirà la maratona persa a Melbourne con Nole Djokovic sempre agli ottavi, ma ha comunque un sapore dolcissimo.

Non poteva bagnare in modo migliore i suoi 27 anni Rafael Nadal. Lo spagnolo, come di consueto, ha festeggiato il compleanno presso il Philippe Chatrier con una facile qualificazione ai quarti del Roland Garros. Invitato speciale alla festa di quest’anno il povero Kei Nishikori che nulla ha potuto contro il sette volte vincitore del Major parigino. Il passaggio del turno per Rafa non è mai stato in pericolo. Il nipponico, tredicesimo del seeding, che pure aveva le armi per mettere pressione al collega iberico, si è sciolto sotto il timido sole francese tutte le volte che ha avuto un’opportunità per bucare le difese avversarie. Questa la morale del 6-4 6-1 6-3 finale con cui il mancino si è guadagnato l’accesso tra i migliori otto del draw. Il match ha presentato uno spartito simile per tutti e tre i set in cui si è dipanato. È quasi sempre il giapponese a rendersi pericoloso per primo senza, però, mai concretizzare alcunché. Così è accaduto ad esempio nel quarto gioco del primo set, quando Nishikori, conquistatosi due palle break grazie ad un gran dritto a sventaglio, ha visto sfumare l’opportunità a causa di un gran rovescio lungolinea di Rafa seguito da un ace. Il nipponico ha trovato spesso e volentieri nel suo rovescio l’arma per disinnescare lo spagnolo messo in crisi dagli eccellenti angoli disegnati con questo fondamentale. È stato proprio il rovescio però, finito in rete, a consegnare all’iberico la palla break poi portata a compimento grazie al solito drittone aggiustato anche dal nastro. Dopo di che Nadal in versione risparmio energetico si limiterà ad amministrare fino alla fine del parziale, concluso 6-4. Nel secondo set il numero 4 del mondo ha dilagato velocemente dopo aver visto l’avversario costruirsi e poi sprecare malamente una palla break nel secondo gioco. Break sull’1 pari, sul 3-1 e 5-1 per lo spagnolo che ha approfittato dei numerosi svarioni dell’avversario chiudendo lestamente il parziale con il passante di rovescio che non ha lasciato scampo a Nishikori. Nel terzo set il nipponico perde un po’ di fiducia nei propri mezzi: sul 2-1 a favore di Nadal manda un rovescio senza peso in rete completando poi con un dritto in corridoio un turno di servizio disastroso. Rafa incassa e prosegue il suo cammino imperterrito fino al 5-3, quando dovrà annullare un’altra palla break al giapponese prima di procedere al taglio della torta in campo.

 

Rafael Nadal [3] d Kei Nishikori [13] 6-4 6-1 6-3

Stanislas Wawrinka [9] d Richard Gasquet [7] 6-7(5) 4-6 6-4 7-5 8-6


Nessun Commento per “TUTTO FACILE PER NADAL, SUPER WAWRINKA CON GASQUET”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.