UNA FRANCESCA DI QUALITA’

Il Foro Italico è tutto per lei, e la Schiavone ripaga i suoi tifosi vincendo a mani basse contro l'americana Christina Mchale. Lo spettacolo continua...
martedì, 10 Maggio 2011

Roma. Abbiamo visto la Francesca Schiavone che volevamo vedere, oggi, sul Centrale del Foro Italico. L’eroina nazionale che i tifosi si aspettavano di poter ammirare, di poter sostenere, di poter spingere alla vittoria.  Col secco punteggio di 6/3 6/1 ha sbaragliato l’americanina Christina Mchale, che domani non potrà più festeggiare il suo 19mo compleanno agli Internazionali Bnl d’Italia come sperava. Reclutata dalla Federazione “a stelle e strisce”, che l’ha affidata al suo staff, questa ragazzina del New Jersey potrebbe avere un grande futuro, anche se al cospetto della “Schiavo” è parsa ancora molto acerba.

“Sono coscente che non si è trattato di un grande match – ha confessato la leonessa – ma il pubblico si è divertito e questo mi rende più ricca”. La milanese incanta, in conferenza stampa come in campo. Non è mai banale, col suo tennis vario ed efficace, ma anche con le sue risposte ponderate e articolate. Lei desidera fare capire al suo interlocutore qual è il suo stato d’animo, quali sono i suoi timori, le sue sensazioni. “E’ vero – prosegue – in allenamento qui a Roma sono sempre stata abbastanza tesa, ma è solo perché prendo il mio lavoro molto seriamente.  Per fortuna il debutto contro Christina è stato totalmente positivo: ho sentito il pubblico vicino, ho preso le misure col campo, col rimbalzo delle palline, ho testato la mia reazione fisica e mentale e ho portato a casa la partita. Era quello che volevo”.

Venendo alle fasi di gioco, non c’è molto da dire. A prescindere dall’equilibrio che si è intravisto all’inizio del primo set, momento necessario ad entrambe le giocatrici per rendersi conto delle condizioni di gioco e della resistenza dell’avversaria, quella a cui abbiamo assistito è stata una cavalcata sicura dell”azzurra, che ha ingranato la quinta breakkando nel sesto gioco e caricandosi poi a dovere per il resto dei game. Tranne qualche piccolo errore e un cambio della racchetta per un problema di tensione delle corde, la prestazione della Schiavone è scivolata via liscia come l’olio. La seconda manche è stata solo una formalità, anche perché la Mchale si è scoraggiata. Uno smash a rimbalzo ha consegna la vittoria alla “Divina” Francesca, e il Foro Italico può così continuare a sognare.

Clicca qui per sapere di più sugli Internazionali Bnl d’Italia


Nessun Commento per “UNA FRANCESCA DI QUALITA'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.