US OPEN, CACCIA ALLA REGINA

Tra poche ore lo start ufficiale sul cemento di Flushing Meadows. Serena Williams parte con i favori del pronostico, ma anche la spedizione dell'Europa orientale vuol dire la sua. Le azzurre sperano
lunedì, 25 Agosto 2014

TENNIS – La tournèe americana raggiunge il suo culmine, le big della racchetta femminile sono chiamate alla resa dei conti ad un mese e mezzo di distanza da Wimbledon. Questo pomeriggio scatta l’ultima tappa del Grande Slam, quella di Flushing Meadows: il fronte nordamericano contro la spedizione eurasiatica per decretare la nuova regina degli US Open.

La suddivisione geografica è soltanto una delle infinite chiavi di lettura, ma l’obiettivo principale sarà quello di spodestare l’intoccabile Serena Williams dal trono newyorkese, in attesa di insidiare anche la prima posizione nel ranking mondiale. L’americana è campionessa in carica, vincitrice delle ultime due edizioni sulla stessa avversaria, quella Vika Azarenka ormai distante anni luce dalla forma migliore degli ultimi anni: il cemento della East Coast, però, potrebbe rilanciarla definitivamente dopo il lungo stop per infortunio.

Alla vigilia dello start ufficiale, le rivali di Serena sono ben altre. L’ultima settimana ha dimostrato l’ottima condizione di Petra Kvitova, fresca vincitrice a New Haven e campionessa dell’ultimo Slam disputato a Wimbledon. La ceca, al meglio della sua condizione, rappresenta più di un semplice spauracchio e la terza posizione nel seeding le garantisce un cammino potenzialmente agevole fino ai quarti, dove incontrerebbe Eugenie Bouchard. La canadese può dire la sua dopo due semifinali ed una finale tra Melbourne, Parigi e Londra, ma dovrà riscattare la delusione rimediata nel Connecticut.

Ma non sarà una corsa con due sole favorite: il trio composto da Simona Halep, Agnieszka Radwanska e Maria Sharapova completa la griglia delle prime cinque teste di serie e tenterà l’assalto al titolo. Difficile sottovalutare tre superpotenze di questo calibro, nonostante la rumena non sia nelle migliori condizioni e la polacca abbia già arricchito la bacheca con la Rogers Cup. Masha rappresenta la costante di questo schieramento: pochi punti da difendere, tutto da guadagnare e mente fondamentalmente libera dagli schemi di classifica. Un successo distante ormai otto anni, infine, può aumentare la voglia di tornare in cima agli States.

Subito dopo, tante outsider e poche certezze. L’assenza di Na Li permette di guadagnare un gradino nella composizione del tabellone, ma decifrare l’andamento di altre top ten o giovani promesse rimane una chimera. Le ipotesi di partenza, oltre alla solita Bouchard, si concentrano sulla Kerber e sulla coppia serba IvanovicJankovic: facile prevedere un approdo tra le prime otto, più difficile catapultarle nella caldissima final four. D’altra parte, però, anche le nobili decadute Azarenka e Venus possono vantare ottime credenziali in qualità di rivelazioni americane: e allora, perchè non porre un granello di fiducia anche nelle altre rappresentanti dell’Olimpo femminile?

Discorso identico per le italiane. Le maggiori speranze sono riposte in Flavia Pennetta, testa di serie numero 11 e particolarmente avvezza al cemento d’oltreoceano. La brindisina partirà dalla Goerges, sulla quale è favorita secondo i bookmakers (quota 1,50 contro 3,30 della tedesca). Anche Sara Errani e Roberta Vinci proveranno a regalare soddisfazioni nel singolare, oltre che in doppio. La bolognese comincia con l’ostica Flipkens, ma anche in questo caso sono i colori azzurri ad essere in vantaggio: in caso di successo sarà subito derby con la Giorgi, impegnata con la Rodionova. Idem per la tarantina contro l’argentina Ormaechea, mentre Karin Knapp se la vedrà con la Pironkova. Percorsi relativamente abbordabili per le azzurre, eccezion fatta per Francesca Schiavone: la Leonessa affronterà Vania King, ma in caso di vittoria sarebbe chiamata all’impresa delle imprese contro Serena Williams, accreditata per distacco alla vittoria finale.

Nonostante le varie ipotesi, sarà il campo ad esprimere la veridicità anticipata dalla carta. Oggi alle 17 ore italiane si parte con la prima giornata. Due settimane di passione sul cemento di Flushing Meadows, con l’auspicio di assistere ad uno Slam degno dei tre precedenti. La caccia alla nuova regina è aperta.


Nessun Commento per “US OPEN, CACCIA ALLA REGINA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • US OPEN, DAY 6: LE STELLE CONTINUANO A BRILLARE Carrellata di big nel day-six, nessuna delude le aspettative: resta Venus Williams, nel match conclusivo di giornata contro la Siegemund
  • WTA ROMA, TABELLONE: ITALIANE IN SALITA Sorteggiato il main draw degli Internazionali BNL d'Italia 2014. Solo Errani e Pennetta alle prese con un buon esordio, sfide ostiche dalla Vinci in poi. Scontro a distanza tra Serena e Na […]
  • TOKYO, TROPPA WOZNIACKI PER LA PENNETTA La brindisina crolla 6-2 6-3 dopo la bella prova contro Daniela Hantuchova. Fuori anche la Errani: nemmeno un'italiana al terzo turno del torneo giapponese
  • AO: SERENA CON CARO E PETRA, MASHA CON HALEP E IVANOVIC Sorteggiato il tabellone femminile. La numero uno del mondo trova la ceca nell'eventuale semifinale, per la Sharapova possibile incrocio con la Halep. È subito derby Pennetta-Giorgi. Buono […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL PAGELLONE FEMMINILE Va in archivio il primo slam dell’anno. Trionfa Serena, ma Masha lotta. Ritorna in scena Venus Williams, mentre fa la sua fragorosa comparsa la Keys. Deludono in tante, le italiane non […]
  • WTA FINALS, UN MESE DI BAGARRE Serena Williams e Maria Sharapova sono le uniche due qualificate alle Final Eight di Singapore. Relative certezze per Halep, Kvitova e Radwanska, ancora indecifrabile la situazione di Na […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.