US OPEN DAY 3: ROUTINE PER I TOP E ULTIMO BALLO PER FISH?

Terza giornata e inizio dei secondi turni. I migliori sembrano attesi da incontri di routine. Serena chiude il programma diurno, Djokovic in nottata, Nadal sull’Armstrong. L’americano del Minnesota rischia di chiudere la carriera contro Feliciano
mercoledì, 2 Settembre 2015

TENNIS – Tabelloni del 135esimo Us Open allineati al secondo turno, con tanti scossoni. Nel draw maschile per la prima volta dopo 24 anni il finalista dell’ultima edizione, Kei Nishikori, ha salutato la compagnia all’esordio, mentre in quello femminile c’è stato un autentico terremoto con tre delle prime otto teste di serie (Ivanovic, Safarova e Pliskova) eliminate immediatamente, alle quali si aggiunge Maria Sharapova, che non ha proprio preso parte al torneo, per colpa degli infortuni che l’hanno fermata dopo Wimbledon. Oggi riflettori sulla parte alta dei due tabelloni, quindi su Djokovic, Nadal e Serena Williams, ma anche sui due alfieri italiani Seppi e Fognini, senza dimenticare la sempre combattiva Roberta Vinci.

Iniziamo dalla fine, con il numero uno del mondo Novak Djokovic che andrà in scena in nottata, nel match che concluderà il programma sul campo centrale contro Andreas Haider Maurer. Un altro incontro che si prospetta di routine per il serbo dopo il 6-1 6-1 6-1 rifilato al brasiliano Souza. L’austriaco probabilmente raccoglierà qualche game in più ma è davvero complicato pensare che possa anche solo arrivare ad un long set. Prima di Djokovic, nella sessione serale, scena per Venus Williams, opposta all’altra americana Irina Falconi. Venus seguirà di qualche ora il secondo impegno di sua sorella Serena, che continua la sua caccia al Grande Slam contro l’olandese Bertens, una che difficilmente potrà negare alla numero uno del mondo la 30esima vittoria consecutiva in un major. In apertura di programma, sul campo principale, l’americana Madison Keys e la ceca Smitkova, fanno da preludio al ritorno sull’Arthur Ashe di Marin Cilic, campione in carica, che lo scorso anno su quel campo ha battuto, uno dopo l’altro Federer, Berdych e Nishikori, per mettere le mani sul primo titolo slam della carriera. Per lui impegno teoricamente facile con il russo Donskoy.

Rafael Nadal viene relegato sul Louis Armstrong, ma non dovrebbe incontrare problemi contro l’argentino Schwartzman, battuto 6-2 6-2 nell’unico precedente. Più interessante invece il match che apre il programma sul secondo campo, che potrebbe essere l’ultimo per Mardy Fish. Il giocatore del Minnesota se la vedrà con Feliciano Lopez. I precedenti, tutti ovviamente molto datati, causa l’inattività di Fish, vedono quest’ultimo avanti 5-3, ma fanno poco testo. Di sicuro Mardy ci metterà l’anima, ma probabilmente non basterà per prolungare ancora il suo torneo e quindi la sua carriera. Nel mezzo dei due incontri maschili, altro derby americano femminile tra Coco Vandeweghe e Betthanie Mattek. Il programma del Grandstand, dopo un altro scontro sorellicida tra americane di seconda fila (Brengle vs Tatishvili), propone un interessante Raonic – Verdasco, nel quale verrà seriamente testata la condizione del canadese, testa di serie numero 10. I precedenti sul 3-3, suggeriscono battaglia. A seguire, torna in campo Eugenie Bouchard, che continua la sua ricerca d’identità dopo la stagione disastrosa maturata finora. L’avversaria non è delle più semplici, perché la slovena, italiana d’adozione, Hercog, è una che sa mischiare bene le carte e che può mandare in tilt una tennista con poche sicurezze come la canadese. Chiudono la giornata sul terzo campo più importante Jo Wilfried Tsonga e Marcel Granollers.

Passiamo ai nostri. Tutti e tre partono favoriti, ma devono prendere i loro incontri con le molle. Roberta Vinci, dopo il buon esordio, trova la ceca Denisa Allertova, numero 77 del ranking, che al primo turno si è sbarazzata di Carla Suarez Navarro. Alla luce delle condizione della spagnola il successo della tennista dell’est non deve allarmare, però bisogna fare attenzione, anche perché non ci sono precedenti. Il match è il secondo sul campo 11. Sempre per secondo, ma sul campo 5, va in scena Fabio Fognini, atteso dal terraiolo dal gran rovescio Pablo Cuevas. Solitamente l’uruguagio sul cemento viene solo a mettere la firma, come dimostra la sua preparazione allo Us Open, caratterizzata da tre sconfitte al primo turno. In questo torneo però, ha superato Sela che era anche abbastanza in forma e ciò potrebbe indicare una maggiore voglia di fare bene. Ciò deve suggerire a Fabio grande attenzione. I precedenti sono 1-1, entrambi sulla terra nel 2014. Ultimo italiano Andreas Seppi, che chiude sul campo 13 contro Teymuraz Gabashvili, in quello che potrebbe essere anche un prequel del prossimo impegno di Davis. Maggiore qualità per l’altoatesino, ma il russo, che al primo turno si è salvato per il ritiro di Andujar in avvio di quinto set, è uno capace di tutto ed il suo contrario. Precedenti 3-1 Seppi, ma i due non si sono mai affrontati sul cemento all’aperto.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO


Nessun Commento per “US OPEN DAY 3: ROUTINE PER I TOP E ULTIMO BALLO PER FISH?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ROGERS CUP: MANCA PROPRIO ROGER. IL CANADA RIABBRACCIA RAONIC Ci sono tutti i migliori e le migliori nei due appuntamenti di Montreal e Toronto della prossima settimana. Manca solo Federer, che potrebbe aver salutato definitivamente il Quebéc. Grande […]
  • AUS OPEN, PARTE LA SECONDA SETTIMANA Il lunedì di Melbourne vede in programma altri otto incontri, quattro per il tabellone maschile e quattro per quello femminile. Ecco l'analisi dei match che completeranno le due griglie […]
  • WIMBLEDON DAY 2, UNA VERA PARATA DI STELLE Autentico parterre de roi ai Championships nella seconda giornata di partite. Nadal, Federer, Murray monopolizzano i campi centrali, ma occhio anche a Kvitova, Bouchard, Wozniacki e ai sei […]
  • SHANGHAI: DJOKOVIC, FEDERER E MURRAY NELLA PARTE ALTA È un tabellone abbastanza squilibrato quello del penultimo Master 1000 della stagione, con tre dei quattro fab four nella parte alta. In basso, Nadal trova Wawrinka, e uno tra Berdych e […]
  • SUBITO IN CAMPO I BIG THREE Il 2015 del circuito Atp inizia col botto e con tutti i magnifici tre in campo. Nadal difenderà il titolo a Doha dall’assalto di Djokovic, mentre Federer torna Brisbane dopo la finale […]
  • US OPEN, DAY 7: VIA AGLI OTTAVI Flushing Meadows apre con la corsa tra gli ultimi sedici dei rispettivi tabelloni. In campo Djokovic da una parte e le Williams dall'altra, ma c'è anche un tocco di Italia con Roberta […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.