US OPEN IN VISTA, LE STATISTICHE SUL CEMENTO

L'ATP mette a nudo i dati dei protagonisti maschili a pochi giorni dagli US Open, con Federer oltre il 90%. Bene anche un ritrovato Dimitrov
giovedì, 24 Agosto 2017

TENNIS – L’avvicinarsi degli US Open, l’ultimo Slam dell’anno, apre a tutte le ipotesi dei bookmakers internazionali, che dovranno fare i conti con le assenze pesanti di Wawrinka e Djokovic e con la ritrovata supremazia di Nadal e Federer in termini di forma atletica, ma anche di ranking. Per l’occasione, l’ATP ha scelto di regalare qualche dritta in termini statistici attraverso il FedEx Performance Zone, che analizza i risultati dei principali protagonisti della racchetta maschile sul cemento.

Ad arrivare a Flushing Meadows con la miglior percentuale tra vittorie e sconfitte è proprio Roger Federer. Venticinque incontri disputati sul veloce, soltanto due KO ed un 92% di esiti positivi nel corso della stagione. Numeri che rispecchiano l’incredibile andamento dello svizzero durante gli ultimi mesi, ma al campione di Melbourne e Wimbledon si affiancano due nomi che sono arrivati a trenta match giocati ed un rapporto inferiore ma non di molto. Grigor Dimitrov vanta un 24-6 con l’80% di vittorie, Nick Kyrgios deve “accontentarsi” di un 23-7 che gli vale il 76%. Il bulgaro ha vinto però gli stessi titoli di Roger, tre, mentre l’australiano è ancora a secco.

Molto bene, ovviamente, anche Rafa Nadal, che è sceso in campo sulla superficie dura in ventinove occasioni. Il bilancio del maiorchino è di 22 successi e 7 sconfitte, con una media del 75,9%, un decimo in meno di Roberto Bautista-Agut che però ha disputato quattro match in meno.

Fondamentalmente, in base al calcolo percentuale, non possono lamentarsi nemmeno Andy Murray e Milos Raonic. La differenza tra lo scozzese e il canadese e il resto della concorrenza sta nel numero di incontri: nessuno dei due ha superato quota venti in tutta la stagione. L’ex numero uno del mondo ha sì l’80% netto, ma ha vinto 12 match su 15. Leggermente più basso il diagramma del nordamericano, reduce da 13 sfide vinte su 17 occasioni.

In ogni caso, le statistiche e le griglie di partenza lasciano il tempo che trovano con l’inizio degli US Open, durante i quali bisognerà capire se l’accoppiata Federer-Nadal metterà in bacheca anche l’ultimo major del 2017 o se la concorrenza, pur senza diversi rappresentanti di spicco, sorprenderà i due veterani con uno scatto d’orgoglio dopo otto mesi di netta sottomissione.


Nessun Commento per “US OPEN IN VISTA, LE STATISTICHE SUL CEMENTO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.