US OPEN, SHOCK FEDERER: SCHIENA E DIMITROV LO BATTONO

Un problema alla schiena limita lo svizzero che cede in 5 set al bulgaro

Gli Us Open chiudono il turno serale con un colpo a sorpresa, quello effettuato da Dimitrov su Federer. Proprio nell’anno più buio, il bulgaro tira fuori la prestazione che non ti aspetti e accede nuovamente alle semifinali di uno Slam, come non accadeva da Wimbledon 2014.

Una vittoria in 5 set figlia di una grande costanza al servizio e da fondo, pochi gratuiti ma soprattutto, di una ritrovata forza mentale totalmente perduta negli ultimi due anni, quando vinse a sorpresa le Atp Finals laureandosi n.3 del mondo.

D’altro canto, c’è da ribadire il problema fisico di cui è stato oggetto Roger: un mal di schiena palesatosi già alla vigilia del match e aumentato nel corso dello stesso. Quando lo svizzero si portava avanti per 2 set a 1 tutto sembrava passato ed invece, il protrarsi del match sino al quinto, acuivano il forte dolore.

Vince Dimitrov dunque che raggiunge Medvedev in semifinale: chiunque dovesse vincere, sarà la prima volta in una finale Slam per lui: il risultato per Greg nella notta su Federer si è chiuso sul 3-6, 6-4, 3-6, 6-4, 6-2.


Nessun Commento per “US OPEN, SHOCK FEDERER: SCHIENA E DIMITROV LO BATTONO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.