USA-BIELORUSSIA, LA CABALA DELLE FINALI

Domani è il giorno di USA-Bielorussia, alla Chizhovka Arena di Minsk si assegna la Fed Cup. Di chi sarà il 2017 della competizione femminile?
venerdì, 10 Novembre 2017

TENNIS – L’edizione 2017 si presenta come vero e proprio spartiacque all’interno del contesto femminile, considerando come ci si arriva. È il fine settimana di USA-Bielorussia, sfida che andrà in scena alla Chizhovka Arena di Minsk per assegnare il titolo della Fed Cup. Da una parte una squadra di veterane che ha già dimestichezza e confidenza con la competizione, dall’altra una matricola terribile che non vede l’ora di sfruttare il fattore campo.

Per gli Stati Uniti, che non potranno fare affidamento su Serena e Venus Williams, così come su Madison Keys, la finale del weekend imminente è un’occasione da non lasciarsi sfuggire, soprattutto perchè c’è da dimenticare una trafila di delusioni non indifferente. È dal 2000 che il trofeo non si accomoda sugli scaffali della bacheca americana: il successo contro la Spagna a Las Vegas dista ormai diciassette anni e nella memoria sono ben più fresche le sconfitte contro la Francia nel 2003 e contro l’Italia nel 2009 e nel 2010.

Decisamente più “romantico” e complicato l’approdo della Bielorussia all’ultimo atto della competizione femminile a squadre. Al primo anno nel World Group di Fed Cup, la Nazionale capitanata da Dubrou si è già distinta per le vittorie contro Svizzera e Olanda e ha messo nel mirino una prima, storica vittoria appena entrata tra le grandi del tennis mondiale. Per arrivare a coronare un sogno del genere, però, servirà una prova di grande carattere e tecnica, soprattutto da parte della migliore giocatrice disponibile, Aryna Sabalenka, e soprattutto perchè nel quartetto di convocate non figura Vika Azarenka. L’ex numero uno del mondo, bloccata in California per le pratiche burocratiche sulla custodia del figlio, non sarà a Minsk per l’evento più importante della sua Nazionale.

In ogni caso, l’edizione 2017 regalerà una storia tutta da raccontare: o l’interruzione della sfortunata serie di sconfitte statunitense, oppure il clamoroso rovesciamento delle gerarchie firmato dalla squadra bielorussa, senza la sua tennista più forte. La sfida è aperta, sabato e domenica si va in campo.


Nessun Commento per “USA-BIELORUSSIA, LA CABALA DELLE FINALI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.