VAJDA: “AVEVO DUBBI ANCH’IO SU DJOKOVIC”

Vajda, tornato coach di Djokovic, parla del ritorno al vertice dell'assistito

Tennis. Non ci credeva nemmeno lui e se parliamo dello storico coach, allora davvero significa aver compiuto un’impresa impensabile. Novak Djokovic vince WImbledon, coach Vajda la pensa così.

Penso che il grande miglioramento qui abbia riguardato il suo servizio, oltre ovviamente alla risposta. Non è riuscito a rispondere bene a Parigi e negli altri tornei, ma ha ritrovato il colpo giusto in tempo per questo torneo. Non credevo sinceramente che avrebbe battuto Rafa, perché Nadal stava meglio mentalmente e arrivava dal trionfo al Roland Garros. La chiave è stata la solidità mentale di Nole nel quinto set”.

Non ci credeva e tutt’ora non ci crede l’allenatore di Novak:Non mi aspettavo che riuscissimo a vincere Wimbledon, questa è la più grande sorpresa da quando ho cominciato a lavorare con lui. Mi aspettavo che potesse diventare numero uno, vincere titoli del Grande Slam, ma questa vittoria è stata del tutto inaspettata”.

L’ultima battuta, sulla decisione di tornare con Nole:Non ci è voluto molto per prendere questa decisione. Sono una persona semplice, non mi preoccupo di nulla. Era stato bello passare del tempo con la mia famiglia. Naturalmente avevo dei dubbi ogni giorno, perché non torni mai indietro e devi ricreare un nuovo Novak. Quello che è successo qui, onestamente, non riesco ancora a capire perché sia accaduto”.


Nessun Commento per “VAJDA: "AVEVO DUBBI ANCH'IO SU DJOKOVIC"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.