DA VERDASCO ALLA STEPHENS: L’INDIGNAZIONE DEL WEB

Due pessimi episodi nelle ultime 48 ore: i social si scatenano

Tennis. Nelle ultime ore è successo praticamente di tutto, sia in campo maschile che femminile. Dopo gli eventi accaduti nel corso della finale Us Open fra Serena Williams e il giudice di sedia Ramos, che tante polemiche avevano scatenato anche di carattere sociale, ecco che altri episodi poco combacianti con i valori e la tradizione del tennis sono avvenuti, senza distinzione di sesso.

Partiamo dal caso Verdasco e la pessima reazione avuta nei confronti del raccattapalle che tardava a porgergli l’asciugamano alla fine del punto. In difesa di quest’ultimo è intervenuta la LLR, Lega per la Liberazione dei Raccattapalle,a capo della quale vi è Judy Murray, mamma di Andy.

Pesante il suo tweet di protesta nei confronti del tennista spagnolo: “Che ne dite di una regola che costringa i tennisti a prendersi da soli gli asciugamani? – scrive Judy Lasciamo che i raccattapalle si occupino solo delle palle da tennis“.

Non meglio è andata, dal punto di vista dell’immagine, nel corso dell’incontro fra l’americana Stephens e la possente russa Pavlyuchenkova. Durante un cambio di campo ecco che la vincitrice Us Open 2017 si rivolge in maniera piuttosto dura nei confronti della rivale, apostrofandola come “poco di buono”, per usare un eufemismo.

Match che Sloane vincerà, dopo qualche altro tentativo della russa di colpirla in occasione di smash a rete. Per poco non si sfiorava la rissa fisica, col giudice di sedia costretta a scendere dalla propria postazione a separare le due. Ancora una volta non una bella immagine per il tennis.


Nessun Commento per “DA VERDASCO ALLA STEPHENS: L'INDIGNAZIONE DEL WEB”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WIMBLEDON E LA RIVOLUZIONE SOCIAL La pervasività dei media digitali non ha lasciato indifferente nemmeno l’organizzazione del torneo di Wimbledon. Così l’All England Club ha studiato un sistema di interazione social di […]
  • WOZNIACKI, QUANDO L’ALLENAMENTO È SOCIAL Caroline conferma il suo stretto legame con Twitter e pubblica le foto delle sue sedute a Dubai. La danese sperimenta l'allenamento 2.0 attraverso la condivisione della sua attività con i followers
  • LE “SOCIAL VACANZE” DEI TENNISTI Grazie ai social media si può tenere traccia di tutto e di tutti. Cosa fanno dunque i tennisti in questa fase dell’anno? Sono Facebook, Twitter, Instagram a rivelarci i momenti di […]
  • ANDY MURRAY, MAI COSÌ SOCIAL La vittoria del tennista inglese nel torneo di Wimbledon è stato l'argomento più popolare di Facebook tra gli utenti del Regno Unito. La fine della maledizione del torneo di casa si piazza […]
  • ROGER FEDERER PIÙ SOCIAL CHE MAI: LA PENSIONE PUÒ ASPETTARE Roger Federer sta tornando e lo conferma attraverso i suoi profili social con cui ha regalato ai suoi fan delle dirette live dei suoi allenamenti: la pensione è ancora molto lontana.
  • CARO ROGER, UN TWEET PER SOGNARE Federer come non lo avete mai visto. Anzi, letto. Rispondendo alle domande dei fan su Twitter

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.