VINCERE UNO SLAM JUNIOR NON GARANTISCE IL SUCCESSO TRA I PRO

La storia non mente. Alzare al cielo il trofeo di un major nella categoria under 18 non porta necessariamente a vincere uno Slam quando si passa al circuito dei professionisti. E sono tanti i tennisti che possono testimoniarlo.
venerdì, 10 Aprile 2015

Tennis – Il 1973 è l’anno dell’introduzione delle classifiche Atp, ma è anche la stagione del varo dei quattro Grand Slam Junior, tornei introdotti con il chiaro obiettivo di far conoscere alle grandi platee le stelle del futuro. Purtroppo, per quanto tale riforma sia da considerare storica, non è riuscita a centrare in toto il proprio obiettivo e non sempre chi ha vinto nella categoria dei piccoli ha ottenuto uguali successi nel circuito maggiore.

Non è il caso, ovviamente, di tennisti come Stefan Edberg, che da juniores vinse tutti e quattro i titoli Slam nel 1983, di Andy Roddick, John McEnroe, Bjorn Borg, Roger Federer, tutti in grado più o meno di replicare tra i professionisti quanto fatto vedere tra i giovani. Nomi importanti che tuttavia, come rileva il sito www.puntodebreak.com, rappresentano più un’eccezione che una regola nella lunga e affascinante storia del tennis.

In 41 anni di storia, dal 1973 al 2014 solo 10 giocatori hanno vinto da juniores un torneo tra Us Open, Wimbledon, Roland Garros e Australian Open e si sono ripetuti nel circuito principale Sono John McEnroe, Ivan Lendl, Pat Cash, Mats Wilander, Stefan Edberg, Roger Federer, Andy Roddick, Andy Murray, Stanislas Wawrinka e Marin Cilic.

Ci sono poi tennisti che hanno letteralmente dominato da giovanissimi, ma dei quali in Atp si sono perse le tracce. È il caso del colombiano Nicolas Pereira, che da juniores vinse tutti e tre gli eventi principali senza mai riuscire a superare il terzo turno in uno Slam da professionista. L’australiano Mark Kratzmann alzò al cielo il trofei dei tre major tra il 1982 nel 1984 e completò persino il Career Grand Slam in doppio, ma da professionista si fa notare soltanto per le prestazioni in doppio senza mai vincere, in ogni caso, un titolo dello Slam. Avvicinandoci ai giorni nostri, Gael Monfils è stato numero 1 del mondo Juniores e vincitore di tre Slam su quattro nel 2004, ma la sua migliore prestazione da professionista sono è la semifinale di Parigi del 2008. E poi ci sono Richard Gasquet, Donald Young, Bernard Tomic, Grigor Dimitrov, Filip Peliwo, che tuttavia hanno ancora tempo per ripetere in Atp le prodezze realizzate da under 18. Dal 2000, invece, sono cinque i giocatori che sono riusciti a soddisfare le aspettative generate dalle loro prestazioni nel circuito Junior.

La tesi secondo cui non esiste relazione proporzionale tra la carriera junior e quella da professionisti viene ulteriormente avvalorata dal fatto che grandi tennisti come Andre Agassi, Jim Courier, Pete Sampras, Novak Djokovic e persino Rafael Nadal non hanno nessuna junior Grand Slam Cup nelle loro pur densissime bacheche. Borna Coric e Nick Kyrgios, giovani professionisti di belle speranze spesso additati come futuri vincitori di Slam, sono quindi in ottima compagnia tra gli atleti che da giovanissimi non sono mai riusciti a vincere un major.

Da non dimenticare nemmeno gli italiani Diego Nargiso e Gianluigi Quinzi. L’ex tennista napoletano vinse Wimbledon junior nel 1987, battendo in finale Jason Stoltenberg in due set con il punteggio di 7-6, 6-4, ma non riuscì mai a vincere un torneo Atp in singolare pur giungendo due volte in finale. Gianluigi Quinzi, classe 1996, è una delle speranze più concrete del tennis italiano. Il mancino di Cittadella, che questa settimana ha ben figurato alla Capri Watch Cup di Napoli, ha seguito le orme di Nargiso, trionfando anch’egli all’All England Club nel 2013. Ma la sua carriera tra i Pro è ancora lunga e Quinzi ha  molte stagioni per entrare a far parte di quel piccolo gruppo di tennisti grandi da Junior e leggendari da Pro.

Foto: Gael Monfils vinse tre slam junior su quattro nel 2004 (www.zimbio.com)


1 Commento per “VINCERE UNO SLAM JUNIOR NON GARANTISCE IL SUCCESSO TRA I PRO”


  1. tonino ha detto:

    Credo di aver letto male : Quinzi giochera’ la finale a Napoli ???? Forse il prossimo anno…… Per ora la vede in televisione !!!!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.