VITTORIE IN SCIOLTEZZA PER RADWANSKA E LI

Nessun problema per la numero 4 polacca con Heater Watson. Li chiude facilmente la pratica Sorana Cirstea. Ivanovic vince il derby di Serbia. Anche Goerges agli ottavi
venerdì, 18 Gennaio 2013

Tennis. Melbourne (Australia). Due set in completo relax per assicurarsi l’accesso agli ottavi di finale. Na Li e Agnieszka Radwanska fanno un altro passo in avanti in vista dell’eventuale quarto che le vedrà una di fronte all’altra. Ma questo accadrà solo la prossima settimana. Nel frattempo entrambe continuano a demolire avversarie su avversarie senza perdere neanche un set. Mentre Ana Ivanovic vince il suo ennesimo confronto con la compagna di Fed Cup Jelena Jankovic confermando di essere, nel caso ve ne fosse dubbio, la numero uno di Serbia. Julia Goerges deve spendere qualche energia, ed un set, in più per rintuzzare gli attacchi della terribile Jie Zheng vittoriosa qualche giorno fa contro la Samantha Stosur.

La continuità di ‘Aga’. Sarà il clima dell’Oceania a lei particolarmente favorevole, sarà merito di un efficacissimo allenamento messo in atto nella off season. Fatto sta che Radwanska ultimamente non lascia neanche le briciole. Ultima vittima di questa notte: Heater Watson che aveva già affrontato nell’ultima edizione di Wimbledon. E dire che rispetto ad allora la britannica si è difesa molto meglio portando a casa un paio di game in più. 6-0 6-2 il risultato che la condannò molto severamente sull’erba dell’All England Club, mentre qui a Melbourne l’esito è stato un comunque pesante 6-3 6-1. Match godibile fra due tenniste che non fanno della potenza la loro arma più temibile, tutt’altro. Entrambe le giocatrici hanno un’approccio alla gara caratterizzato da continue variazioni che le porta ad usufruire di tutto lo spazio che il campo mette loro a disposizione. A dispetto di quanto detto finora è la Watson a mostrare per prima le unghie issandosi subito sul 2-1 e 15-40. Radwanska però si riscuote immediatamente, tiene il servizio ed approfitta nel gioco successivo di qualche errore di troppo dell’avversaria che va subito sotto 0-40. Il break è sancito da un vincente in rovescio e viene anche confermato nel successivo turno di servizio con la numero 4 del mondo che sale quindi 4-2. Un altro doppio fallo di Watson concede un secondo break point con la polacca che sentitamente ringrazia, accusando però un piccolo calo quando va a servire per il set concedendo la prima possibilità di break che l’avversaria sfrutta con cinismo. La vittoria del primo parziale è solo rimandata al game seguente quando ‘Aga’ sfruttando tutto il suo bagaglio tecnico fissa il punteggio sul 6-3. Il secondo set è pura formalità. Gli unici eventi degni di nota sono stati il piccolo infortunio occorso alla polacca (un dito escoriato) e la breve pausa dovuta alla chiusura del tetto dell’Hisense Arena causa pioggia. Tutto ciò assolutamente non distrae Radwanska che sale subito 5-0, infilando il sesto gioco consecutivo tra primo e secondo set. C’è spazio alla fine per una piccola riscossa britannica con Watson che riesce finalmente a tenere il servizio andando anche ad insidiare quello dell’avversaria con due palle break. Niente da fare, Agnieszka è come un treno e a suon di ace si costruisce il match point che consegue con facilità. Per lei ottavi di finali contro Ana Ivanovic.

Cambiamenti positivi. Sono quelli cui è dovuta ricorrere Na Li quando ha deciso di optare per il cambio coach. Ed in effetti con l’avvento di Carlo Rodriguez, già factotum del capolavoro che risponde al nome di Justin Henin, i risultati sono tangibili. Ultimo il 6-4 6-1 con cui Li si è assicurata la vittoria stanotte contro Sorana Cirstea. Match molto simile a quello vinto da Radwanska che è stato vivace fino alla fine del primo parziale. Nel secondo infatti c’è stato spazio solo per il monologo cinese con Cirstea a fare da spettatrice non pagante. Vittoria convincente dunque per la vincitrice di Shenzhen che ha riconosciuto l’indubbio effetto benefico di Rodriguez non tanto sulla tecnica e sullo stile di gioco, quanto in merito alla tenuta mentale ed alla capacità di fronteggiare la pressione. Da sempre infatti molte partite, soprattutto quelle più ostiche, si vincono di testa oltre ad un’ottima preparazione atletica e tecnica. Per la numero uno di Cina ci sarà ad attenderla Julia Goerges nel match valido per gli ottavi.

Regina di Serbia. Lo è senz’altro Ana Ivanovic ed oggi ne ha dato ulteriore conferma. Il suo confronto con la connazionale Jelena Jankovic era senz’altro uno dei più suggestivi in programma oggi. L’ex finalista dell’Australian Open era in vantaggio 7-3 nei confronti diretti non a caso. Molto più cinica e cattiva, agonisticamente parlando, Ana nei punti importanti della partita grazie anche ad una buona prestazione al servizio. Dopo una partenza sprint che l’ha vista portarsi subito sul 5-2 la numero 13 del mondo subisce però lo scatto d’orgoglio dell’avversaria la quale grazie ad un gioco super offensivo riesce a vincere tre game di fila pareggiando i conti. La riscossa di Jankovic però si esaurisce all’undicesimo gioco sul 40-0 quando improvvisamente l’interruttore si spegne di nuovo e stavolta definitivamente. A quel punto Ivanovic ha gioco facile nel portare a casa il primo set chiusosi sul 7-5. Nulla da fare poi nel secondo quando la campionessa del Roland Garros 2008 sale immediatamente 3-1 non lasciando scampo all’avversaria e chiudendo poi 6-3.

Ostacolo cinese per Julia. Superato non senza qualche difficoltà. Sì perchè Jie Zheng era la vera mina vagante di questo quarto di tabellone. Archiviata la vittoria in trasferta contro Sam Stosur, l’attuale numero 40 del ranking era pronta ad accaparrarsi anche gli ottavi di finale forte anche di un certo vantaggio (2-0) maturato contro la tedesca negli head to head. Ci sono volute  quasi due ore e un quarto affinchè la Goerges la spuntasse per 6-3 1-6 7-5. E dire che il match per lei si era rivelato subito in salita, sotto 15-40 sul suo servizio d’apertura. Tanto è bastato per farla scuotere e mettere in pratica un gioco travolgente condito da numerosi vincenti (saranno 19 nel primo set) che le hanno consentito di andare a servire per il primo parziale sul 5-1. Breakkata riuscirà a portare a termine il lavoro nel suo turno di servizio successivo. Ma Zheng non si dà per vinta e fa valere il suo animo da lottatrice approfittando anche di un passaggio a vuoto dell’avversaria. Salita 4-0 in men che non si dica chiude abbastanza agevolmente il secondo parziale senza molte resistenze da parte della tedesca. Il set decisivo è un braccio di ferro fino al 5-4 quando la tennista cinese, semifinalista qui a Melbourne nel 2010, ha la grande occasione di andare a servire per il match dopo aver strappato il servizio all’avversaria, ma viene controbreakkata accusando il colpo. A questo punto la Goerges ne approfitta assicurandosi i due giochi seguenti e gli ottavi.

 


Nessun Commento per “VITTORIE IN SCIOLTEZZA PER RADWANSKA E LI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • DAY 5, TORNANO IN CAMPO DJOKOVIC E SHARAPOVA Match da non sottovalutare per il serbo contro Radek Stepanek. 'Masha' entra in rotta di collisione con Venus Williams. Alla Radwanska tocca Heater Watson, mentre per Ferrer c'è Baghdatis. […]
  • DAY 1: SERENA, NOLE E GLI ASSI ITALIANI TENNIS – Inizia l’Australian Open 2014. Nel maschile scende in campo la parte bassa del tabellone, nel femminile quella alta. Williams e Djokovic animano la sessione serale sul centrale. […]
  • AVANTI RADWANSKA E LI, IVANOVIC A FATICA. STOSUR KO I giochi si fanno più duri agli Australian Open. Continua la cavalcata vincente di Agniezska Radwanska e Na Li. Passa pure Ana Ivanovic soffrendo. Fuori invece Samantha Stosur.
  • AUSTRALIAN OPEN DAY 1: APRONO NOLE E MASHA Parte la 105esima edizione dell’Australian Open. I piatti forti di giornata sono gli esordi di Djokovic e Sharapova. Iniziano il loro torneo anche Ferrer, Berdych, Radwanska e Li. Sei […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL TABELLONE FEMMINILE È stato estratto il main draw femminile della 101esima edizione dello Slam australiano. Serena Williams è stata sorteggiata nella parte di tabellone presidiata da Victoria Azarenka. […]
  • CADONO ERRANI E VINCI, TUTTO FACILE PER PENNETTA E FOGNINI TENNIS – Australian Open: per il secondo anno consecutivo Sara Errani esce al primo turno a Melbourne. Solo cinque i games raccolti dalla bolognese contro la Goerges. Out in due set anche […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.