VOLANDRI: “E’ UN ONORE E UNA RESPONSABILITA’ INCREDIBILE”

Il nuovo Capitano azzurro di Coppa Davis si è messo subito al lavoro ed è già concentrato per le Finals di novembre
lunedì, 25 Gennaio 2021

TENNIS – Da poche ore è il nuovo Capitano azzurro di Coppa Davis e Filippo Volandri, in una lunga intervista a SuperTennis, ha espresso tutta la sua soddisfazione per aver ricevuto un incarico di così grande prestigio. L’ex numero 25 del ranking mondiale ha mostrato tutto il suo entusiasmo, pensando però anche a chi lo ha preceduto, vale a dire Corrado Barazzutti, visto che fu proprio lui a far esordire Volandri in questa competizione.

“E’ un onore e una responsabilità incredibile – ha affermato Volandri – dopo aver già preso in mano negli ultimi anni il settore tecnico arrivare a questo risultato. Sono molto contento ed emozionato, c’è tanto lavoro da fare. Un grande ringraziamento va a Corrado Barazzutti per il lavoro straordinario fatto in questi 20 anni. Lui è stato il capitano che mi ha fatto esordire in Coppa Davis. Quando un bambino inizia a giocare a tennis, ha sempre un sogno nel cassetto. Io più che uno Slam avevo nel cuore gli Internazionali d’Italia e ovviamente la maglia azzurra. Ho avuto la fortuna di indossarla per tanti anni, ma non pensavo addirittura di arrivare ad diventarne il capitano. Ciò mi rende molto orgoglioso perché vuol dire che in questi quattro anni di dirigenza tecnica abbiamo dimostrato che il lavoro è quello giusto e ringrazio la Federazione per avermi dato questa grande opportunità”.

Adesso però è già tempo di mettersi al lavoro. “Serve un lavoro di gruppo – ha detto Volandri – con il team e con gli allenatori che gestiscono i giocatori tutto l’anno. Credo debbano essere una parte di una squadra ancor più allargata. E’ vero, c’è pressione ma è anche vero che è divisa tra tanti giocatori. Berrettini, ad esempio, pur essendo il numero 10 al mondo, non ha tutti i riflettori puntati addosso, perché alle sue spalle ci sono tanti giovani altrettanto forti che stanno venendo fuori velocemente. E questo credo sia un bene per tutti. Personalmente mi sentivo un po’ solo quando ho iniziato la scalata al ranking, cosa che non succede oggi. Lo stesso Sinner mi ha raccontato di essere sollevato che non si parli soltanto di lui, perché così può lavorare più in serenità. Una competitività sana fa si che i risultati portino altri risultati”.

Primo obiettivo quindi le Davis Cup Finals di novembre che vedono l’Italia inserita nel gruppo E con Stati Uniti e Colombia. “Andremo senza rodaggio – ha affermato Volandri – ma è bello. Ci carica di adrenalina e responsabilità. E’ una squadra con tanti giovani, avremo bisogno di tempo ma ci toglieremo grandi soddisfazioni. La parola chiave è ‘collaborazione’. Ovviamente c’è C’è tanto lavoro ancora da fare. Non bisogna mai smettere di studiare, non si finisce mai di imparare. Ho la fortuna di avere persone al mio fianco che mi stanno insegnando tanto. Abbiamo bisogno di capire l’evoluzione dei big e per farlo ho una grande squadra alle spalle”.

(Nella foto Filippo Volandri – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “VOLANDRI: "E' UN ONORE E UNA RESPONSABILITA' INCREDIBILE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.