WAWRINKA NON TREMA, SCIVOLONE BERDYCH

Stan Wawrinka batte Matosevic e ritrova il sorriso e la semifinale al Queen's, affronterà Dimitrov. Male Berdych che scivola contro Feliciano Lopez, bene Stepanek che in Gran Bretagna si esalta.
venerdì, 13 Giugno 2014

Nella giornata in cui si giocavano i quarti di finale utili per l’accesso alle semifinali qui al Queen’s, (Atp 250) torneo di preparazione in vista di Wimbledon, arrivano conferme importanti come il ritrovato stato di forma di Stan Wawrinka e l’exploit di un giocatore più volte sembrato in grande difficoltà come Feliciano Lopez capace di battere il gigante ceco Tomas Berdych.

Stan Wawrinka dicevamo. Lo svizzero numero uno del seeding britannico, che non aveva impressionato (eufemismo) al Roland Garros era atteso ad un’ulteriore conferma sull’erba dopo le buone prove dei giorni scorsi. Oggi affrontava l’australiano Marinko Matosevic che, proprio qui al Queen’s, riesce sempre ad estrapolare il meglio da se stesso. Ma non è bastato per l’uomo capace di battere Jo Wilfried Tsonga nella giornata di ieri infilare un primo set di assoluto valore (perso 7-5). L’australiano si è sciolto sotto i colpi precisi e sotto il bombardamento al servizio di Stan (dieci aces) perdendo anche il secondo, decisivo set 6-3. 

In semifinale sfida tra rovesci monomani extra-lusso cinque stelle che vedrà opposti il vincitore degli Australian Open e Grigor Dimitrov, il bulgaro avanzato senza nemmeno scendere in campo per via del cattivo stato di forma di Dolgopolov che ha, saggiamente, alzato ‘bandiera bianca’ onde evitare rovinare la sua già precaria condizione fisica in vista del grande Slam londinese alle porte.

Radek Stepanek batte in tre set 1-6 6-3 6-2 abbastanza lottati il sudafricano Kevin Anderson. Nonostante il ceco abbia battuto l’idolo di casa Andy Murray nella giornata di ieri l’esito di questo match non era affatto scontato. Ma tant’è, il gioco pulito e sbrigativo di Stepanek ha pagato di più rispetto alla maggior fisicità e potenza dei colpi di Anderson. L’erba è sempre superficie che può sparigliare carte apparentemente difficili da mescolare.

Un’ora e trentasei minuti invece sono serviti allo spagnolo Feliciano Lopez per avere la meglio su Tomas Berdych che, nelle ultime settimane, colleziona scivoloni su scivoloni. Il forte ceco è stato sconfitto col risultato finale di 6-4 7-6 dal numero 29 del mondo, 10 del seeding londinese. Quest’ultimo dunque proverà a sfruttare una bella occasione in semifinale dove per l’appunto affronterà Stepanek, match molto importanti per entrambi, ed occasione da sfruttare per staccare il pass finale all‘Eagon Championships.


Nessun Commento per “WAWRINKA NON TREMA, SCIVOLONE BERDYCH”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.