WIMBLEDON 2016. ECCO LE TESTE DI SERIE

Il torneo inglese è e resta l’unico che non segue i criteri di assegnazione delle teste di serie validi per la restante parte degli eventi. Così persiste, almeno in ambito maschile, una certa discrepanza tra ranking e seeding.
mercoledì, 22 Giugno 2016

Tennis – Wimbledon si avvicina inesorabilmente e la macchina organizzativa è già in moto in vista dell’inizio ufficiale del terzo Slam della stagione. Lunedì 27 giugno il torneo per eccellenza apre i battenti e in attesa del sorteggio dei tabelloni maschile e femminile oggi è stata la volta dell’annuncio delle 32 teste di serie.

Come è noto, i criteri di assegnazione dello status di testa di serie a Wimbledon sono differenti rispetto a quelli degli altri Slam. Dal 2002 il criterio per stabilire il seeding segue tre variabili come la posizione del giocatore aggiornata al lunedì precedente l’inizio del torneo – nella fattispecie il 20 giugno – alla quale vanno sommati tutti i punti conquistati nei tornei su erba negli ultimi 12 mesi e i tre quarti dei punti conquistati nei migliori tornei su erba nell’anno ancora precedente, quindi il 2014. Questo vale soltanto per il ranking maschile.

L’effetto di tali criteri, ad ogni modo, è che spesso ci si trova davanti ad alcuni cambiamenti rispetto ai dettami della classifica mondiale. E neanche l’edizione 2016 fa eccezione.

Solidissime le prime quattro posizioni del seeding, con Novak Djokovic, Andy Murray, Roger Federer e Stan Wawrinka già qualche settimana fa sicuri di essere classificati come nel ranking Atp. Tuttavia, l’annunciata assenza di Rafael Nadal, permette a Kei Nishikori e Milos Raonic di avanzare rispettivamente al numero 5 e 6 del seeding. Consistente, invece, la variazione che coinvolge il francese Richard Gasquet, numero 10 Atp ma numero 7 del seeding in virtù della semifinale giocata lo scorso anno. Marin Cilic si issa al numero 9 del seeding nonostante occupi attualmente la tredicesima posizione del ranking Atp. Nick Kyrgios, numero 18 Atp, ottiene invece la 15esima testa di serie, tallonato da Gilles Simon, numero 16 del torneo a dispetto della 20esima posizione nel ranking Atp. Buono il salto di Ivo Karlovic, che con un ranking Atp da numero 31 stacca la 23esima testa di serie. Chi paga in maniera abbastanza salata questi movimenti è il ceco Tomas Berdych, che da numero 9 Atp si vede assegnata la testa di serie numero 19.

Non ci sono italiani tra le teste di serie, questo lo sappiamo. Ma ci sono in ambito femminile. Roberta Vinci è la numero 7, mentre Sara Errani è numero 21. Rispetto al ranking Wta l’unica differenza è legata all’assenza in tabellone – e nel circus – di Flavia Pennetta, ancora numero 15 del ranking mondiale femminile nonostante si sia ritirata definitivamente.

La prossima tappa di avvicinamento ai Championship sarà il sorteggio del tabellone, previsto per venerdì 24 giugno. E il 27 tutti in campo per il terzo Slam della stagione. Il più prestigioso.

Foto: Novak Djokovic e Serena Williams sono indiscutibilmente numeri 1 del mondo e del torneo (www.zimbio.com)

 


Nessun Commento per “WIMBLEDON 2016. ECCO LE TESTE DI SERIE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.