WIMBLEDON, DEBUTTO BAGNATO

Nonostante la pioggia non sono mancate le emozioni all'All England Club, anche se Wimbledon è una festa che invade tutta la città...
lunedì, 20 Giugno 2011

Londra (Regno Unito) – L’avvio non è stato dei migliori. Benvenuti a Londra dove anche il 20 giugno potrebbe sembrare il 15 febbraio tra pioggia, vento e freddo. Di sicuro non è una novità per gli appassionati, ma iniziare il torneo con la metà degli incontri rimandati a causa delle avverse condizioni meteorologiche non è un gran debutto.

Grazie agli ultimi ritrovati della tecnologia, il Centrale di Wimbledon è stato dotato da due anni di un tetto, il che ci ha permesso oggi di assistere alle vittorie della nostra Schiavone e dell’idolo di casa Andy Murray. Entrambi forse ci hanno fatto tirare un po’ il collo, con due successi netti ma allo stesso tempo sofferti, visto il set lasciato per strada durante il cammino.

Ad essere sinceri che il tempo non fosse dalla nostra lo si era capito sin dall’inizio… anzi dalle previsioni dei giorni precedenti che avevano fatto presagire fiumi d’acqua per tutta la giornata. Alla fine invece il sole ha benedetto le prime ore del torneo, in modo da non rovinare del tutto la festa di questo nuovo Wimbledon, che festeggia con l’erba nuova i suoi 125 anni.

Auguri al torneo quindi, dove naturalmente si spera che la vittoria vada al sopracitato beniamino di casa, anche se molti propendono per il Re svizzero, ma forse ne sapremo qualcosa di più delle ambizioni dell’ex numero uno domani, dopo il suo debutto.

Fondamentalmente Londra e’ invasa dal tennis, in ogni sua accezione. Racchette, palline e poster fanno respirare l’aria del Major anche a chilometri di distanza da SW19(codice postale dell’All England Club, ndr), trasformando la capitale inglese nell’ombelico del mondo di questo sport.

Anche nei piccoli negozi non mancano infatti palline o racchette, mentre la nota marca che sponsorizza Nadal e Federer ha monotemizzato le sue vetrine di Oxford Street con la gigantografia dello spagnolo accompagnata da una pioggia di racchette e palline (pioggia in quanto sospese lungo tutto lo spazio espositivo).

Ritornando alla pioggia…  Per capire l’andamento climatico di Londra nei prossimi giorni si potrebbero aprire scommesse come per il titolo finale, in quanto il medesimo rimarrà incerto come il nome del vincitore, fino all’ultimo giorno. Quindi se non volete allungarvi l’agonia dei festeggiamenti siete pregati di iniziare danze del sole lungo tutta la penisola con il pensiero rivolto all’All England Club (giocatori, tecnici e giornalisti ringraziano sentitamente in anticipo, vedi anche Federer-> http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10150219068179941&set=a.214046249940.131095.64760994940&type=1&theater-, ndr).

Come ogni buon rito che si rispetti, e Wimbledon in questa eccezione è il rito dei riti, la fila è un must da cui non si può scappare: fila per prendere la metro, fila indiana per raggiungere l’impianto dalla stazione di Southfields, fila per i biglietti, fila per entrare, etc etc. Tutto viene disegnato come una processione religiosa, silenziosa, rispettosa, in cui non c’è fretta, anche se forse interiormente la voglia di arrivare “prima” non è poi tanto nascosta….

La fila domani la faranno anche i giocatori, in attesa lungo i campi, visti i numerosi match sospesi o totalmente rimandati. La giornata si prospetta davvero ricca e le emozioni perse lungo il cammino oggi saranno sicuramente raddoppiate domani, noi siamo qua e voi? Quali sono le vostre emozioni  del debutto?

Ad Maiora

E per saperne di più:


Nessun Commento per “WIMBLEDON, DEBUTTO BAGNATO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WIMBLEDON, INFERNO E PARADISO Due sguardi differenti, quello abbattuto di Murray e quello pieno d'orgoglio della Kvitova. Un sabato dai toni diametralmente opposti tra lo scozzese e la giovane ceca
  • WIMBLEDON OLIMPICO, NE È VALSA LA PENA? Un bilancio della rassegna Olimpica andata in scena all'All England Club, fra tradizioni infrante, campi non impeccabili, carenza di pubblico e una fase finale da far invidia a ogni altro […]
  • MURRAY O L’ORLANDO FURIOSO Arrabbiato per un presunto contatto su Twitter di sua madre con Feliciano Lopez, in campo lo scozzese ha letteralmente disintegrato lo spagnolo, proseguendo così la sua corsa verso […]
  • SEEDING D’ECCEZIONE A WIMBLEDON Sono state assegnate le teste di serie dello Slam londinese. Rispetto ai ranking, alcune importanti variazioni (Serena ottava, Venus 24esima). Schiavone è n.7, Pennetta n.22. Nel maschile […]
  • WIMBLEDON A RISCHIO SCIOPERI Le linee del metro potrebbero scendere in sciopero il 19 e dal 27 giugno al 1 luglio, mettendo a serio rischio la mobilità londinese, attenzione anche alle chiusure pianificate durante i week end
  • NADAL VUOL VEDERCI CHIARO Il campione in carica apre le danze sul Centre Court di Wimbledon contro Michael Russell. Debutto soft? Chiedetelo a Guga Kuerten...

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.