WIMBLEDON: KERBER-WILLIAMS, DUE ANNI DOPO

Domani alle 15:00 ore italiane la finale femminile. Wimbledon sarà ancora un affare dell'americana o il momento di gloria toccherà alla tedesca?

TENNIS – Manca solo un match per mandare in archivio il main draw femminile di Wimbledon, edizione 2018. Domani pomeriggio, non prima delle 15:00 ore italiane, andrà in scena la finale che eleggerà la regina dell’All England Club. Di fronte ci saranno Angelique Kerber e Serena Williams, esattamente come nel 2016. C’è un passato da ribaltare o confermare, ma anche delle caratteristiche del match da non sottovalutare.

Sia la tedesca che la statunitense hanno vinto senza particolari patemi le rispettive semifinali, eliminando agevolmente Jelena Ostapenko e Julia Goerges. Questo pone le due finaliste sullo stesso piano in termini di risorse fisiche e mentali, considerando il tempo per recuperare e gli sforzi profusi per arrivare fin qui. Il dettaglio principale, anche se è difficile parlare di dettaglio, è l’affidabilità delle gerarchie.

Stando al ranking WTA attuale, la Kerber dovrebbe partire con un netto vantaggio sulla Williams, ma i precedenti parlano chiaro. Serena ha portato a casa sei match su otto contro la sua avversaria più imminente, perdendo a Cincinnati nel 2012 e soprattutto a Melbourne nel 2016, negli Australian Open che consegnarono Angie all’Olimpo del tennis femminile. In più, c’è di mezzo la finale di due anni fa sempre a Wimbledon: in quel caso, l’americana vinse senza affanno e portò a casa l’ennesimo titolo sull’erba londinese, titolo che invece alla teutonica manca eccome.

Il cammino delle ultime due settimane dice che Serena è imbattibile quando vuole alzare il ritmo, vista la prestanza atletica nettamente superiore a tutte le altre giocatrici del circuito WTA. Dall’altra parte, però, la Kerber ha dimostrato di saper gestire la pressione in un momento in cui le big cadevano senza sosta, accrescendo le proprie credenziali e le proprie ambizioni non solo per i turni successivi, ma anche e soprattutto per il titolo.

Domani alle 15:00 ore italiane, dunque, sarà il momento di alzare il sipario sull’ultimo atto femminile di Wimbledon. Sarà l’ennesima conferma della famiglia Williams in uno Slam oppure ci sarà il riscatto della Kerber? Il campo rimane giudice sovrano.


Nessun Commento per “WIMBLEDON: KERBER-WILLIAMS, DUE ANNI DOPO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.