WIMBLEDON, NADAL: “MI MANCANO LE MOTIVAZIONI”

Rafa commenta la caduta contro Dustin Brown, mentre Federer e Murray si godono la qualificazione al turno successivo. Soddisfatta anche Petra Kvitova, che continua la sua corsa verso la difesa del titolo

TENNIS – Il giovedì di Wimbledon regala tanti risultati attesi, ma anche un grosso scossone nel tabellone maschile. Gli uomini salgono alla ribalta a metà della prima settimana, anche per una tabella di marcia molto ricca e piena di spunti. Le donne, invece, si affidano alla campionessa in carica per tracciare il bilancio odierno. Ecco tutte le dichiarazioni di giornata.

L’eliminazione di Nadal è senza dubbio l’argomento principale di oggi. Rafa commenta la sconfitta: “Probabilmente sto attraversando un momento di stand-by. Vorrei recuperare quella motivazione che ha caratterizzato gli ultimi anni, ma non so se sarò in grado di tornare a quei livelli. Certo è che sono stato cinque giorni a Wimbledon, e con tutte le difficoltà degli ultimi tempi non è poi così male“. Dall’altra parte, un Dustin Brown visibilmente soddisfatto: “Con lui ho vinto anche ad Halle l’anno scorso e ho capito che devi giocare in scioltezza, senza pensare che di fronte hai Rafa. Ho giocato il mio tennis, sono contento, ma mi ritengo anche fortunato per averlo incontrato sull’erba. Non so se su un’altra superficie sarei riuscito a mantenere lo stesso ritmo“.

Procede, invece, l’avventura di Roger Federer, vittorioso su Querrey e autore di un colpo mozzafiato: “Fin qui tutto bene – commenta in modo salomonico lo svizzero – sento di attraversare un buon momento e gli ultimi incontri lo stanno dimostrando. Le sensazioni sono positive fin dall’ingresso in campo, quindi colgo anche l’occasione per tentare qualcosa di innovativo come il lob tra le gambe. Sono soddisfatto e anche rilassato, sta procedendo tutto come avrei voluto“.

L’altro grande protagonista di giornata, Andy Murray, porta a casa la qualificazione dopo una prestazione brillante contro Haase: “Ho giocato una buona partita – afferma lo scozzese – ma in alcuni momenti del match ho sentito il bisogno di rifiatare. Quelle di Wimbledon sono due settimane dispendiose sotto il profilo atletico e mentale, soprattutto con questo clima, quindi è necessario preservarsi anche per gli appuntamenti più complicati. Il tutto, ovviamente, senza deconcentrarsi a match in corso“.

Le donne si affidano alla vincitrice del 2014, che continua la sua corsa verso la difesa del titolo. Petra Kvitova passeggia su Kurumi Nara e si prepara alla prossima fase: “Credo di aver disputato un incontro soddisfacente – dice la campionessa in carica – e personalmente mi sono sentita molto a mio agio. Il braccio era efficiente e rispondeva al meglio, non posso lamentarmi. Inoltre sono contenta di aver evitato la giornata di ieri: oggi le condizioni erano decisamente accettabili, mentre le mie colleghe hanno accusato un caldo assurdo ventiquattro ore fa. Spero non mi capiti una temperatura del genere“.

Conclusa la carrellata del dopogara, è tempo di concentrarsi sul weekend, ormai alle porte. Domani si torna in campo per osservare Djokovic e Wawrinka, ma ci sono altri tre match interessanti da tenere d’occhio: Raonic affronta Kyrgios, Dimitrov se la vedrà con Gasquet e Cilic dovrà stare attento ad Isner. Il main draw femminile, invece, ritrova Maria Sharapova e le sorelle Williams.


Nessun Commento per “WIMBLEDON, NADAL: "MI MANCANO LE MOTIVAZIONI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.