WIMBLEDON, RE E REGINA A BRACCIETTO: I SOGNI DI FEDERER E KVITOVA

Il sogno di fan e protagonisti, rivedere trionfare a Wimbledon due grandi protagonisti ai Championsips Federer e Kvitova, tornati in grande spolvero

Tennis. Wimbledon è alle porte, tra pochi giorni le porte del prato da tennis più famoso del mondo si apriranno ed accoglieranno i protagonisti più attesi. Sia in campo maschile che femminile non mancheranno ritorni di primo piano, che non hanno certo intenzione di fare da comparsa o firmare presenza.

In due hanno vinto 9 volte Wimbledon, 7 volte Federer e 2 la Kvitova. Entrambi sono stati lontani dai campi per 6 mesi, con motivazioni diverse ma hanno un ulteriore punto in comune: un ritorno vincente. Ai Championships lo svizzero, forse, parte coi favori del pronostico come non accadeva da tempo, la ceca vincendo a Birmingham ha dimostrato subito di essere pronta per la tripletta reale, dopo i successi 2011 e 2014.

Ad impensierire lo svizzero Nadal su tutti, che non solo ha dominato sulla terra ma ha raggiunto finale a Melbourne e Miami. Le condizioni di Djokovic e Murray sono quasi disastrose, soprattutto a livello mentale, mentre Wawrinka ha sempre dimostrato di avere nell’erba l’anello debole della propria carriera. Gli outsider sull’erba non mancano e rispondono al nome di Zverev, Kyrgios, Raonic (finalista in carica) ed occhio a Thiem.

Tra le donne il quadro è incertissimo. Kerber e Halep sembrano fare a gara per non occupare la n.1 mondiale, con prestazioni a dir poco altalenanti. La Pliskova è la più costante, mentre la Muguruza sembra lontana parente di quella che vinse Parigi solo 13 mesi fa. In assenza di Serena, Venus potrebbe continuare la tradizione delle Williams vincenti a Wimbledon, ma anche qui occhio alle outsider: Lisicki, Ostapenko (reduce dal successo di Parigi), Wozniacki e Konta (gioca in casa) potrebbero far saltare il banco.

Per gli italiani, storicamente, pochissime chance di fare strada. Fognini ha in Wimbledon la sua bestia nera, Lorenzi fatica ad adattarsi alla superficie mentre Seppi ha sempre fatto bene qui ma sembra in netto calo. Tra le donne la Vinci ha il gioco per fare strada, mentre chi potrebbe realizzare un exploit da tempo atteso è la Giorgi. Reduce dai quarti a Birmingham battendo la Svitolina, ha già raggiunto qui gli ottavi nel 2012 e sembra in ottima forma. Difficile aspettarsi grandi cose da Errani e Schiavone, quest’ultima alla sua ultima presenza ai Championships.


Nessun Commento per “WIMBLEDON, RE E REGINA A BRACCIETTO: I SOGNI DI FEDERER E KVITOVA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.