WOZNIACKI: “VOGLIO IL PRIMO SLAM”

La giocatrice danese, ex numero uno del mondo, detta i buoni propositi per il 2015 dopo aver recuperato la condizione migliore. Dimenticato McIlroy, la concentrazione è massima in vista dell'Australian Open
mercoledì, 24 Dicembre 2014

TENNIS – Conclusa la stagione, ha dimostrato di essere una delle protagoniste dei social network. Tra Twitter e Instagram, migliaia di fan e appassionati l’hanno seguita nei suoi progressi atletici, ma anche nella documentazione delle sue vacanze. Adesso per Caroline Wozniackiè nuovamente tempo di fare sul serio, per raggiungere gli obiettivi soltanto sfiorati quando combatteva in vetta alla classifica mondiale. Dopo aver ritrovato la migliore condizione psicofisica, il 2015 si presenta come l’anno del dentro-fuori, l’anno della svolta.

Quando sembrava ormai cominciata una precoce parabola discendente, la giocatrice danese è riuscita a risollevarsi grazie ad una seconda parte di stagione oltre le aspettative. E la scelta di lasciare la casa di Monaco, direzione Australia, la dice lunga sulle ambizioni del nuovo anno: “Voglio vincere una prova dello Slam – ha dichiarato l’ex numero uno a self.com – e spero di coronare il mio sogno lavorando al meglio per il 2015“. L’aiuto di papà Piotr, ben più di un coach, e del preparatore atletico Przemyslaw Piotrowicz, la Wozniacki proverà a raggiungere il suo scopo ricoprendo il ruolo di outsider.

Le motivazioni di tale risalita sono racchiuse nel carattere sanguigno di Caroline: “Credo di aver dimostrato di non mollare mai. Ho giocato diverse partite senza pensare al risultato o all’avversaria, riuscendo a tirare fuori il meglio. Lottare fino alla fine mi ha fatto capire che posso ancora dire la mia tra le big del circuito“. L’anno appena concluso deve essere da stimolo: “Ho disputato una stagione altalenante – ammette la danese – durante la quale ho raccolto diverse soddisfazioni ma anche tante delusioni“. Il riferimento è anche alla rottura con il suo ex, il golfista Rory McIlroy, ad un passo dal matrimonio: “Sì, anche quello è stato scioccante. Ma credo che tutto accada per una ragione ben precisa“.

Un ruolo fondamentale nell’inversione di marcia è stato ricoperto anche dalle amicizie, soprattutto nel circuito: Serena Williams è una delle principali “psicologhe” della Wozniacki, che conferma l’aiuto dell’americana: “Serena è stata una delle prime a sapere di Rory. Ha provato a tirarmi su di morale dopo la mia eliminazione al Roland Garros, ma io la ignoravo. Ho capito che stava cercando di aiutarmi, così sono andata a Miami per stare un po’ con lei e devo ammettere di essere migliorata sotto questo aspetto“. Dopo qualche mese, le due si sono sfidate nella finale di Flushing Meadows che ha visto prevalere la statunitense. A fine partita, una serata newyorkese per festeggiare la vittoria di Serena e la rinascita di Caroline.

Adesso la Wozniacki può dirsi stabile sul piano psicofisico ed è pronta a tornare sui campi che contano. L’obiettivo verrà rincorso già a partire dall’Australian Open, nonostante la concorrenza agguerrita per il primo Slam dell’anno. Se la condizione di fine 2014 verrà riportata anche nel nuovo anno, l’ex numero uno del mondo potrà fare nuovamente la voce grossa.


Nessun Commento per “WOZNIACKI: "VOGLIO IL PRIMO SLAM"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.