MARIA E LE ALTRE

Nel WTA di Cincinnati Maria Sharapova vola in semifinale imponendosi su Samantha Stosur con un comodo 6-3 6-2. Avanti anche Vera Zvonareva, che passa 6-3 7-6 su Daniela Hantuchova. In serata Andrea Petkovic elimina 7-5 6-1 Nadia Petrova, mentre la Jankovic passa senza giocare.
venerdì, 19 Agosto 2011

Cincinnati (USA) – Giornata dedicata ai quarti di finale in Ohio, dov’è in corso di svolgimento il Western e Southern Open, evento “premier” sul cemento con un montepremi di 2 milioni di dollari. Ad aprire le danze sul centrale la  finalista dello scorso anno Maria Sharapova, n.7 del mondo, che nella rivincita della finale degli internazionali BNL d’Italia, liquida Samantha Stosur, n.10 ,con il punteggio di 6-3 6-2.  La sfida in semifinale sarà adesso contro la sua connazionale Vera Zvonareva, n.2 del mondo, che contro Daniela Hantuchova soffre solo nel secondo set, finendo per portare a casa il confronto per  6-3 7-6. In serata di scena gli ultimi due quarti della parte bassa. Nel primo la tedesca Andrea Petkovic elimina dal torneo l’altra russa Nadia Petrova, uscendo alla distanza e vincendo 7-5 6-1. In tarda notte era il turno di Jelena Jankovic, ma un problema fisico mette ko la cinese Shuai Peng, che non entra nemmeno in campo, lasciando via libera alla serba.

Incubo Sharapova. I precedenti non davano adito a grosse speranze per Samantha Stosur, che vede ormai la russa come la sua bestia nera. Nei precedenti 8 scontri diretti infatti, l’australiana ha raccolto appena 2 set, venendo costantemente sconfitta. Anche oggi Samantha Stosur si rivela suo malgrado una semplice spettatrice, resistendo appena 4 giochi prima di essere travolta. Sul 2-2 pari del primo set infatti, l’australiana commette due doppi falli in serie che regalano il primo break del match alla Sharapova. Maria allunga, e senza concedere nessuna palla break, chiude il primo parziale per 6-3 dopo 35 minuti, strappando ancora il servizio alla Stosur nel 9° game. Troppo sterile il gioco dell’australiana, incapace di contenere la maggior potenza della sua avversaria, brava invece a spingere su ogni palla e comandare costantemente lo scambio. Anche il servizio aiuta la bella siberiana, che piazza un’ottima percentuale di prime. Nel secondo set la musica non cambia, anzi, e la forbice si allarga inevitabilmente. La Sharapova vola in un lampo sul 5-0, lasciando per strada appena 9 punti. Per la Stosur è notte fonda, anche se nel finale riesce ad evitare il cappotto, conquistando un paio di game che chiudono il confronto sul 6-2 in poco più di un’ora. Sorridente la russa a fine match: “Mi piace questo torneo , qui riesco spesso ad esprimere il mio miglior gioco e anche oggi è stato cosi. Ho fatto una buna gara, con lei ho sempre fatto bene, forse perché sono una che riesce spesso a togliere il ritmo e il tempo,  cosa che lei predilige. Sono contenta e spero di raggiungere nuovamente la finale”.

Vera c’è. Ad aprire la sessione WTA sul grandstand è la n.2 del mondo Vera Zvonareva, che sfida per l’8° volta in carriera la slovacca n.23 Daniela Hantuchova. Il match si mette subito bene per la russa, che brekka al primo gioco, gestendo il match in maniera più ordinata e solida. Nonostante un mediocre 48% di prime palle, Vera non concede alcuna palla break nel primo set, trasformando in punti quasi tutte le prime di servizio. Più pesante e precisa la palla della Zvonareva, che scappa via fino al 5-3, dove dove ribalta un game da 40-0 strappano un nuovo break che le vale anche il primo set per 6-3. Nel secondo parziale  l’Hantuchova   ci prova, e dopo un game fiume parte col piede giusto, infilando il primo break della sua partita. Purtroppo è un fuoco di paglia, perché il controbreak è immediato. Il servizio diviene quasi un optional, con il match che rimane in equilibrio mentre le due contendenti si strappano il servizio a vicenda fino al 4-4. Sotto 5-4 e servizio la slovacca rischia grosso, raggiungendo il 5-5 dopo aver salvato un match point. Sul 6-6 ci pensa il tiè-break a mettere la parola fine al match, anche se  l’ Hantuchova può recriminare per un set point sprecato sul 6-5 giocato con poco coraggio. Sul 6-6 Vera non perdona, e con 2 punti in serie chiude il match 8 punti a 6 dopo quasi 2 ore di gioco.

Petkovic avanti. Continua il cammino anche della simpatica tedesca Andrea Petkovic, n.11 della classifica mondiale, che per la seconda volta su due supera Nadia Petrova n.27.  Molto equilibrio nel primo parziale, dettato da un paio di break per parte. La tedesca però rimane più continua, non solo al servizio, ma anche in risposta, dove trova la zampata decisiva proprio sul 5-5, incassando il primo set per 7-5. Nel secondo la Petrova scompare  letteralmente dal campo, racimolando appena 9 punti. Per la Petkovic è tutto troppo semplice e il 6-1 finale regala il pass per la semifinale alla tedesca.


1 Commento per “MARIA E LE ALTRE”


  1. Maria Nebbiolo ha detto:

    Come tennista a me piace moltissimo ed anche come gioca e vorrei tamto che Maria Sharapova diventasse la numero 1


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • PROVACI ANCORA MARIA 365 giorni dopo Maria Sharapova torna in finale nel WTA di Cincinnati, superando in rimonta Vera Zvonareva per 2-6 6-3 6-3. Sulla sua strada troverà Jelena Jankovic, che fa fuori Andrea […]
  • CIN CIN SHARAPOVA A Cincinnati Maria Sharapova fa suo il 24° titolo della carriera, spuntandola dopo un match altalenante su Jelena Jankovic per 4-6 7-6 6-3
  • WTA CINCINNATI: SERENA WILLIAMS FA FUORI LA PENNETTA TENNIS – A Cincinnati Flavia Pennetta, ultima azzurra rimasta, lascia campo a Serena Williams. Passano ai quarti anche Halep, Ivanovic, Jankovic, Wozniacki, Sharapova, Radwanska e Svitolina
  • WTA MIAMI: LE PAGELLE Azarenka promossa a pieni voti. Sharapova: è vera gloria?
  • MARIA AVANZA, CAROLINE SI ARRENDE Un terzo turno con diverse conferme e alcune sorprese nel WTA di Tokyo. Avanzano ai quarti Maria Sharapova e Victoria Azarenka, mentre si ferma la n.1 Caroline Wozniacki, stoppata da Kaia Kanepi
  • IL SALTO DI JELENA E' il grande balzo dell'australiana Dokic l'unico vero cambiamento nel ranking Wta, invariato fino al n.28. Jelena, fresca vincitrice del titolo di Kuala Lumpur, è passata dal n.91 al […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.