WTA: ERRANI AVANTI VELOCE, VINCI E PENNETTA KO

Tutti gli incontri di giornata nel resoconto dei tornei WTA di Rio de Janeiro e Dubai, con impegnate Sara Errani, Roberta Vinci e Flavia Pennetta
giovedì, 19 Febbraio 2015

Tennis. Ai “Dubai Duty Free Tennis Championships”, evento WTA Premier, si sono disputati gli incontri di quarti di finale per decretare chi si andrà a giocare l’approdo all’ultimo atto del torneo.

Non riesce il miracolo a Flavia Pennetta, che tiene testa alla numero 5 del mondo Caroline Wozniacki per un set (perso 7-5), per poi crollare nel secondo (6-0). A fiaccare il morale della brindisina, peraltro limitata da una vescica alla mano curata al cambio campo sul 3-0, la palla del contro-break annullata in apertura dalla danese. Che vince otto game consecutivi (dal 5-5 della prima frazione) e vola meritatamente in semifinale, dove se la vedrà con Simona Halep.

Successo molto sofferto per la quest’ultima, N.1 del seeding. La romena sembrava in controllo del match dopo essere passata a condurre grazie ad un 6-3 nel primo parziale. La sua avversaria, la russa Ekaterina Makarova, ha però rimesso tutto in discussione grazie al 6-1 rifilato alla rumena nel secondo set, prima di dover tuttavia cedere al terzo parziale nel momento più delicato, con la Halep che ha chiuso per 7-5 nella decisiva partita.

Nella parte bassa del tabellone hanno avuto luogo due derby molto sentiti e combattuti; nel match tra tenniste della Repubblica Ceca è stata Karolina Pliskova ad avere la meglio della più quotata ed esperta Lucie Safarova, rimontando dallo 0-1 nel computo dei set e ribaltando il match grazie ad un tie-break e ad un terzo set estremamente convincente. Il risultato finale dice 3-6 7-6(5) 6-1 per la Pliskova. Nel match tutto spagnolo tra compagne di team nel doppio, è stata Garbine Muguruza Blanco ad avere la meglio della testa di serie N.13 Carla Suarez Navarro: anche la Muguruza ha perso il primo set, stavolta al tie-break per 7 punti a 4, prima di rimontare e chiudere grazie ad un doppio 6-3 nei rimanenti parziali.

Si chiudono ufficialmente i match valevoli per il secondo turno dell’evento combined “Rio Open” di Rio de Janeiro, con gli accoppiamenti per i quarti di finale che emergono dopo una giornata scandita da quattro incontri per quanto riguarda il femminile.

Giornata in chiaroscuro per i colori azzurri, con Sara Errani, testa di serie N.1 sulla terra brasiliana, che riesce ad avere la meglio dell’esperta spagnola Lourdes Dominguez Lino con il punteggio finale di 6-0 7-5, dopo che la bolognese aveva dominato la prima frazione e aveva dovuto lottare fino alla fine nella seconda, in un set con ben nove break messi a segno in totale tra le due giocatrici.

Sorte avversa, invece, per la N.3 del seeding Roberta Vinci, la quale deve cedere alla sorprendente outsider paraguaiana Veronica Cepede Royg, partita dalle qualificazioni; la 23enne N.168 del mondo non lascia scampo alla pugliese chiudendo la pratica in due set, chiudendo per 6-2 6-3 in poco più di un’ora di gioco.

Negli altri due incontri di giornata, ottime prove per due giovanissime: la 20enne slovacca Anna Schmiedlova ha lasciato appena due games all’argentina Paula Ormaechea, mentre la wild card locale Beatriz Haddad Maia, 18enne N.234 WTA, si è imposta con l’importantissimo punteggio di 6-1 6-2 sulla slovena Polona Hercog, grazie soprattutto a delle ottime percentuali al servizio e ad un gioco in risposta molto brillante.


Nessun Commento per “WTA: ERRANI AVANTI VELOCE, VINCI E PENNETTA KO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.