ERRANI TRAVOLGENTE, BRIANTI KO

Con una prestazione quasi perfetta, Sara Errani si qualifica per le semifinali del WTA di Monterrey liquidando 6-1 6-2 Mandy Minella. Finisce in semifinale invece il cammino di Alberta Brianti nel WTA di Memphis, stoppata da Sofia Arvidsson per 6-3 7-5
venerdì, 24 Febbraio 2012

Monterrey (Messico) – Giornata agrodolce per il tennis azzurro al femminile, che alla bella vittoria di Sara Errani nei quarti di Monterrey, contrappone la sconfitta di Alberta Brianti in semifinale a Memphis. Nella notte italiana Sara Errani conferma di aver pienamente recuperato dall’infortunio patito in Fed Cup, e sul cemento del torneo messicano (da 220 mila dollari di montepremi), vola in semifinale dominando la lussemburghese Mandy Minella, n.94, con il punteggio di 6-1 6-2. Svanisce invece per Alberta Brianti il sogno di raggiungere la terza finale della carriera. Sul cemento del WTA di Memphis, la parmense interrompe  in semifinale la sua splendida cavalcata nel torneo da 220 mila dollari di montepremi. Contro la svedese Sofia Arvidsson, n.72 del mondo, l’azzurra gioca un match a ritmi troppo compiacenti al gioco dell’avversaria, non riuscendo a ripetere le ottime prestazioni dei giorni precedenti e lasciando il campo con il punteggio di 6-3 7-5.

Uragano Sarita. Un concentrato di ritmo e solidità di gioco permettono a Sara Errani di dominare senza affanni la sua avversaria, garantendosi un posto nella semifinale di Monterrey e il 2° successo su altrettante sfide dirette contro la Minella. Davvero minima la resistenza della lussemburghese, che finisce ben presto nella rete della Errani. Sara prende subito in mano il ritmo dello scambio, permettendosi un’ottima copertura del campo. Il break iniziale lancia l’azzurra, che supportata anche da un buon servizio, chiude il primo set con un rapido 6-1. La musica non cambia nel secondo set, con la Errani che resta padrona del match. La 26 enne lussemburghese fatica a reggere la superiorità dell’azzurra, accentuata da una seconda palla di servizio pessima, che gli restituisce appena 3 punti in tutto il secondo set. Il continuo pressing di Sarita, insieme ai pochissimi errori, non lasciano spazio alla Minella, che finisce per arrendersi 6-2 dopo 1 ora e 7 minuti di gioco. In semifinale la Errani sfiderà questa sera da favorita l’ungherese Timea-Babos, n.107 del mondo.

Ecco nel dettaglio i risultati dei quarti di finale:

(2) Sara Errani (ITA) d. Mandy Minella (LUX) 61 62
(6) Greta Arn (HUN) d. Nina Bratchikova (RUS) 61 76(6)
Alexandra Cadantu (ROU) d. (8) Lourdes Domínguez Lino (ESP) 62 60
Timea Babos (HUN) d. Patricia Mayr-Achleitner (AUT) 64 62

Alberta non rimonta. Per la Brianti subito in salita la 5° sfida diretta con la svedese, più rapida a scattare dai blocchi. La Arvidsson sale infatti immediatamente 2-0 e poi 3-1, mostrandosi in avvio molto più tonica. L’azzurra pian pian entra in partita, e il break al 5° game le regala il primo aggancio del match sul 3-3. L’equilibrio dura però il tempo di un caffè, e dopo aver fallito tre palle del 4 pari, Alberta si lascia definitivamente staccare all’8° gioco, finendo sotto 3-5. La successiva palla break fallita chiude ogni speranza alla parmense, che lascia andare il 1° set per 6-3 dopo  40 minuti.

Punto a punto. Davvero minima comunque la differenza di valori tra le due, che si condensa maggiormente in un secondo set non bellissimo ma agonisticamente molto valido. Il servizio diviene inattaccabile e il numero degli errori si compensa. Con quasi l’80% di punti con la prima per entrambe, il secondo set vive di game rapidi e indolori. L’azzurra alza finalmente il suo ritmo, riuscendo a dare valore ai colpi d’inizio gioco. La imita in maniera quasi identica anche la svedese, spazzando via ogni forma di palla break. Si viaggia così senza intoppi fino al 5-5, quando un brutto game al  servizio condanna di fatto l’azzurra. Un pizzico di coraggio in più premia la 28 enne svedese,  che alla seconda occasione mette il muso avanti  sul 6-5 . Dopo il cambio di campo la Arvidsson non trema e con un servizio a 0 chiude la pratica sul 7-5, permettendosi di andare a caccia del suo primo titolo in carriera dopo due finali già perse.

Sfida alla Erakovic. Toccherà invece a Marina Erakovic contendere a Sofia Arvidsson il titolo di Memphis. La croata naturalizzata neozelandese n.54 del mondo, supera in un match del tutto inedito la russa Vera Dushevina con il punteggio di 6-1 4-6 6-4, conquistando anche la 2° finale della carriera dopo quella persa lo scorso anno a Qebec-City.


Nessun Commento per “ERRANI TRAVOLGENTE, BRIANTI KO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ERRANI, FINE DELLA CORSA Finisce male la semifinale del WTA di Monterrey per Sara Errani, che cede 6-4 6-7 6-4 alla volitiva Timea Babos. Per l'ungherese prima finale in carriera contro Alexandra Cadantu. A […]
  • BRIANTI ED ERRANI AI QUARTI A Memphis Alberta Brianti raggiunge i quarti di finale, superando per 7-5 6-2 la seconda testa di serie Ksenia Pervak. Fuori Camila Giorgi. A Monterrey, invece, Sara Errani liquida per 6-2 […]
  • BRIANTI SEMPRE PIÙ SU Splendida semifinale raccolta da Alberta Brianti nel WTA di Memphis. L'azzurra passa 7-5 6-3 su Varvara Lepchenko e vola tra le prime 4 del torneo americano
  • BABOS VINCE E VOLA IN CLASSIFICA Con un doppio 6-4 inflitto ad Alexandra Cadantu, Timea Babos vince a Monterrey il primo titolo della carriera, guadagnando in classifica ben 39 posizioni. Tra le top ten salgono Agnieszka […]
  • IMPRESA GIORGI, ERRANI E VINCI OK Dopo la vittoria di Flavia Pennetta a Dubai, dove oggi sarà impegnata Francesca Schiavone, ottimo anche l’esordio di Sara Errani e Roberta Vinci a Monterrey. A Memphis "colpaccio" di […]
  • BRIANTI RISORGE,ERRANI DOMINA.VINCI KO Dopo 4 match point salvati e quasi tre ore di gioco, Alberta Brianti si qualifica per il 3° turno de WTA di Carlsbad, spuntandola sulla Arvidsson per 0-6 7-6 7-6. Tutto facile invece per […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.