WTA PALERMO, LA VINCI SPEGNE LA CANDELA

TENNIS - E' Roberta Vinci la prima finalista degli Italiacom Open di Palermo. La tarantina ha battuto 5-7, 6-2, 6-2 la spagnola Estrella Cabeza Candela. In finale. ad aspettarla, ci sarà la vincitrice del match tra Klara Zakopalova e la compagna di tante vittorie in doppio Sara Errani.
sabato, 13 Luglio 2013

Tennis, Palermo – Roberta Vinci è in finale. La tarantina ha battuto con non pochi problemi la spagnola rivelazione del torneo Estrella Cabeza Candela in tre set, con il punteggio di 5-7, 6-2, 6-2. Potrebbe essere una finale tutta azzurra in quel di Palermo se Sara Errani porterà a casa il suo match contro la ceca Klara Zakopalova. Il pubblico del Contry Time è già in festa e le possibilità che succeda sono molto alte.

Inizia in salita il match di Roberta. Il servizio non sembra accompagnarla attraverso questa partita di semifinale e già sull’1-1 concede quattro palle break all’avversaria, riuscendo però con un pizzico di fortuna a vincere il game e portarsi sul 2-1. Una partita fatta di scambi lunghi. La Cabeza Candela trova il modo per mettere in difficoltà la Vinci mandando dall’altra parte della rete palle alte e cercando di allungare il più possibile lo scambio. Ed è al quinto gioco che la spagnola riesce a strappare il gioco alla tarantina che non riesce a ritrovare, almeno per il momento, il servizio. Sembra passato il momento di defiance quando la tarantina trova una serie di risposte vincenti e ottiene il suo contro-break, riportando il match in parità sul 4-4. Ma la Candela non si spegne. L’irriducibile iberica gioca di spinta, attacca e mette i piedi nel campo, riuscendo a guadagnare un break per portarsi sul 5-6. Tiene poi il servizio chiudendo la prima partita 7-5.

Il secondo set inizia decisamente con un’altra musica. Roberta apre le danze, mantiene il servizio e si porta subito avanti 0-40 nel secondo gioco. Sfrutta la prima palla break a disposizione e si porta sul 2-0. Il servizio sembra solido come non mai e Roberta riesce a rispondere meglio ai turni di battuta dell’avversaria, ora un po’ fallosa al servizio e provata da un intenso primo set. Nel game successivo l’avversaria concede all’azzurra ancora due palle break ma è brava a tenere duro e mantenere il servizio, accorciando le distanze portandosi sul 3-1. Il match sembra piatto ma orientato e tenuto in mano dalla Vinci che ora riesce anche a gestire meglio gli scambi e a chiudere i punti con due o tre colpi, come le piace fare di solito. Sul 5-2 decide improvvisamente che il set è durato abbastanza e sul 30-40 strappa il servizio all’avversaria portandosi a casa il secondo set con il punteggio di 6-2.

Il terzo set ci mostra due giocatrici stanche e accaldate. Arriva sull’1-1 l’inaspettato break della Cabeza Candela che non contenta di aver concesso poco all’avversaria decide di restituirle il favore concedendo alla beniamina di casa una serie di palle break, che Roberta riesce a capitalizzare solo alla terza occasione. Punteggio quindi tornato in parità, 2-2. Da questo punto in poi non ci sono più passi falsi né concessioni di sorta. La Vinci prende in mano il match vincendo i successivi quattro games senza patemi e con un servizio tornato ad un livello molto alto. Il terzo set finisce 6-2 ed è vittoria per la tarantina che in finale sfiderà la vincitrice tra Klara Zakopalova e la compagna di tante vittorie in doppio, Sara Errani.


1 Commento per “WTA PALERMO, LA VINCI SPEGNE LA CANDELA”


  1. mauro buosi ha detto:

    Una patita a tratti sofferta, ma che alla fine ha dato ragione a Roberta Vinci, che con merito raggiunge la finale.
    Mi chiedo domani con quale stato d’animo scenderà in campo dovendo incontrare , la sua amica Sara Errani. !!!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.