WTA PALERMO, ROBERTA VINCI REGINA

TENNIS – Roberta Vinci conquista il titolo della XXVI edizione degli Italiacom Open di Palermo, nel tripudio generale, battendo la compagna e prima testa di serie del torneo Sara Errani con il punteggio di 6-3, 3-6, 6-3 in un match combattuto e spettacolare.
domenica, 14 Luglio 2013

Tennis, Palermo – Avevano promesso un grande match al pubblico di Palermo e così è stato. Nel tripudio generale e nell’eccitazione sempre crescente del pubblico siciliano è stata Roberta Vinci a spuntarla nel derby azzurro e a superare la compagna e migliore amica Sara Errani 6-3, 3-6, 6-3 aggiudicandosi la XXVI edizione degli Italiacom Open, in un match che difficilmente dimenticheranno.

Tanta emozione in campo, ma anche tanta tensione e voglia di vincere. Inizia in salita il match per Roberta che come al solito ci mette un po’ per ingranare al servizio. La tarantina offre una palla break alla Errani che non si lascia sfuggire la ghiotta occasione e capitalizza il punto, strappando il game d’apertura all’amica. Nel suo turno di servizio Sara barcolla. Arriva sul deuce ma riesce a vincere i due punti successivi e portarsi a casa il game dell’allungo, 2-0. Ma il risveglio della Vinci non si fa attendere. La 30enne infatti gioca e si porta a casa il terzo game con un servizio solido ed una consapevolezza dei suoi mezzi forse ritrovata ed il successivo, strappando il servizio alla Errani e ottenendo il contro-break che riporta il match in parità, 2-2. Turno di servizio facile per ‘Roby’ che concede solo un 15 alla bolognese e successivo turno di battuta altrettanto facile per la Errani. Arriviamo probabilmente al game che ha segnato l’andamento del match, sia fisico che mentale, un game dove la Vinci ha giocato sette deuce concedendo ben cinque palle break, salvandole tutte e portandosi a casa il set. Una battaglia senza respiro anche nel gioco successivo nel quale le due hanno giocato dieci deuce e nel quale Sara ha concesso sei palle break, l’ultima delle quali fatale alla numero sei del mondo che si vede strappare il servizio dalla Vinci per portarsi sul 5-3. Servizio impeccabile. Roberta conferma il break e si porta a casa il primo set con un parziale di 6-3.

Ma Sara Errani non si arrende, raccoglie tutta la carica e la grinta che la contraddistinguono e trona in campo più agguerrita che mai. Tiene il servizio nel game di apertura della seconda partita senza troppi patemi ma nel secondo game con Roberta al servizio è di nuovo battaglia di deuce con la romagnola che non riesce a capitalizzare nessuna delle tre palle break che ha avuto a disposizione. La Vinci tiene il servizo e si porta sull’1-1. Nel terzo game è ancora battaglia con Sara che concede una palla break che annulla prima di portarsi a casa il game. Con la Vinci al servizio che le concede due palle break Sara non sbaglia più e alla seconda occasione strappa il servizio all’avversaria portandosi sul 3-1. Scatenata Sara adesso. Tiene il servizio agilmente e mette a segno un break a zero nel game successivo mettendo il set al sicuro sul 5-1. Ma Roberta non ci sta. La tarantina gioca di forza, attacca e alla seconda palla break si porta a casa il game e conferma il break in quello successivo. Ma sul 5-3 e servizio Errani c’è poco da fare e la bolognese si porta a casa il secondo set con il punteggio di 6-3.

Si va al terzo set in un match che senza dubbio sta riscuotendo successo e consenso tra gli appassionati che tanto hanno sperato in questa finale agli Internazionali di Palermo. Ed è proprio adesso che inizia la vera battaglia. Apre la Vinci al servizio, si arriva al deuce, nessuna palla break concessa e 1-0. Ma è sulla lunga distanza che, inaspettatamente, vengono fuori le qualità del tennis classico e corto di Roberta che mette a segno un break a zero e si porta sul 2-0. Tiene tranquillamente il servizio concedendo solo un punto a sara ma, alla terza palla break, le strappa nuovamente il servizio nel game successivo allungando notevolmente e portandosi sul 4-0. Ma Sara non ci sta, stringe i denti e si carica. Nel quinto gioco del set prende in mano la situazione e sfrutta una palla break arrivata al deuce accorciando le distanze e portandosi sul 4-1. Non molla, continua a lottare e tiene il suo turno di servizio seppur concedendo tre palle break all’amica. Di nuovo servizio Vinci e break Errani in un match che non si sa come andrà a finire. Sul 4-3 Sara non riesce a tenere il proprio servizio e manca l’aggancio che avrebbe potuto portarla sul 4-4. Roberta accende il cielo di Palermo come solo lei sa fare: accelera col diritto e pennella deliziose palle corte, sfrutta l’unica palla break concessale nel game e si porta avanti 5-3. Servizio non proprio impeccabile nell’ultimo game della partita ma al secondo match point chiude 6-3 e sfata il taboo di non aver mai vinto il torneo di Palermo, la città dove vive e nel circolo dove si allena.

“Non me lo aspettavo di conquistare il titolo,” ha detto la Vinci a fine partita. “Però ci tenevo tanto a vincere questa manifestazione nella città dove svolgo la preparazione e dove mi rifugio con i miei allenatori palermitani Cinà ed Intile quando devo ricaricare le batterie. Oltretutto sia io che Sara siamo socie onorarie del Country Club. Non è stato facile giocare contro una persona con cui condividi tutto tennisticamente. Non sai essere cattiva agonisticamente”.

Roberta ha allietato gli oltre 2.000 spettatori con il suo gioco raffinato nel tocco, ma è stata soprattutto brava ad aggredire l’avversaria in risposta al debole servizio della bolognese. La stessa Sara Errani alla fine ha confessato le sue pecche.

“La mia avversaria è stata più brava. Ho cercato di giocare al mio meglio ma Roberta è stata eccezionale. Spero che il pubblico abbia gradito lo spettacolo e mi auguro che Palermo non  perda questa manifestazione che noi tenniste italiane apprezziamo particolarmente. Sarebbe un peccato che non si facesse più”.


1 Commento per “WTA PALERMO, ROBERTA VINCI REGINA”


  1. mauro buosi ha detto:

    Complimenti vivissimi a tutte e due le tenniste. Avete onorato lo sport e il tennis Italiano. Grazie !!!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.