WTA, QUANTI FACILI RITORNI: LA CONCORRENZA DOV’E’?

Martina Hingis è l'ultima fra le più note, ma sono tante le tenniste capaci di rientrare nel circuito femminile, con ottimi risultati: troppo forti loro o troppo debole la concorrenza?
venerdì, 15 Luglio 2016

Tennis. Quanti ritorni nel tennis femminile, allora la domanda sorge spontanea: troppo forti le “vecchie” o eccessivamente debole la concorrenza? Come sempre, la verità sta nel mezzo: l’ultima è stata la Hingis, seppur in doppio, ma con successi impressionanti.

Un discorso medesimo potrebbe essere fatto con Serena Williams, indubbiamente una delle più forti giocatrici di tutti i tempi, ma giunta alla soglia dei 35 anni continua il suo totale dominio che anche se non vincitrice, l’ha vista in finali Slam tre volte su tre anche in questo 2016. A fermarla è stata la giovane Muguruza a Parigi, ma prima di lei una 28enne tedesca di nome Kerber e prima ancora una 32enne di Taranto, poi sconfitta da una 33enne brindisina. Da ciò si evince quanto deboli siano le protagoniste future di questo sport, che facilitano dunque i rientri clamorosi di vecchie glorie.

L’ultima in ordine di tempo è stata a Gstaad niente meno che la 37enne Patty Schnyder: senza successo, grazie ad una wild card ma ci ha provato. Ci è riuscita invece la Hingis, che ha fatto sfraceli in doppio dal suo rientro, diventando n.1 del mondo in coppia con la Mirza: meno fortunata in singolare, a 18 anni dall’ultima volta. E’ avvenuto in Fed Cup, in verità contro una delle migliori giocatrici come la Radwanska.

Il passato ci ha spesso regalato rientri illustri e vincenti, clamoroso quello della Clijsters che, seppur dopo meno un anno di inattività, torna e vince gli Us Open. Così come la tormentata vita e carriera della Capriati, fatta di ritorni continui ed alcuni di questi anche con discreto successo: un’altra la belga, la Henin, che torna dopo due anni nel 2010 e arriva sino alla finale di Melbourne, disputando poi un buon Roland Garros.

Cosa c’è all’orizzonte? La Bouchard si è già sciolta, la Bencic già presa da acciacchi, la Keys è un buon prospetto ma ancora acerba: la sensazione nett è che, tornasse oggi la Pennetta, sarebbe pienamente in grado i lottare per difendere dignitosamente il titolo Us Open 2015. 


Nessun Commento per “WTA, QUANTI FACILI RITORNI: LA CONCORRENZA DOV'E'?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MIAMI MASTERS: LA STORIA DI UN SOGNO AMERICANO TENNIS - Dal sogno di "Butch" Buchholz, origini e storia di uno dei più importanti tornei del tennis moderno, la passione americana e il grande spettacolo si fondono: signore e signori, i […]
  • WTA FINALS, 44 ANNI DI ELITE Quella del 2014 sarà la 44esima edizione delle Wta Finals, che esordiranno nella dodicesima location della loro storia Singapore. 19 sono state le "maestre" finora incoronate. Martina […]
  • WTA, DOVE PORTA IL RANKING DI FINE ANNO? Tutti a caccia della Halep, dalle big alle rising stars. La WTA si conferma un mondo precario, il 2019 si prepara ad altre mille sfaccettature.
  • BUON COMPLEANNO LI NA La tennista cinese più forte di tutti i tempi compie 32 anni. Una carriera di grande prestigio e una personalità tra le più interessanti e forse tormentate del circuito. Lei il tennis non […]
  • KIM CLIJSTERS: “NON SONO TORNATA PER GIOCARE UNA SOLA STAGIONE” La tennista belga ha spiegato di avere dei piani a più lungo termine e sogna di scendere in campo agli Us Open
  • KIM CLIJSTERS TORNA A GIOCARE! Dopo il ritiro avvenuto nel 2012 la tennista belga a 36 anni si è detta pronta al rientro

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.