ROMINA SUPERSTAR

Nel WTA di S-Hertogenbosch trionfo storico di Romina Oprandi, che batte la n.2 del mondo Kim Clijseters per 7-6 6-3. Il poker azzurro si completa con le vittorie di Errani, Vinci e Schiavone, (ad Easteburne), mentre torna al successo Serena Williams.
martedì, 14 Giugno 2011

S-Hertogenbosch (Olanda) – Giornata fantastica per i colori azzurri nei tornei sull’erba di avvicinamento a Wimbledon, con 4 vittorie su 4. L’impresa della giornata è senza dubbio quella di Romina Oprandi, che sui prati olandesi di S-Hertogenbosch, fa fuori la n.2 del mondo Kim Clijsetrs con il punteggio di 7-6 6-3, regalandosi la soddisfazione più grande della carriera. Al trionfo della Oprandi, si accompagnano le buone vittorie di Sara Errani, 7-6 6-1 alla Bertens, e di Roberta Vinci, 6-4 6-2 alla Ercogh. L’ultima vittoria di giornata arriva dal più ricco torneo di Eastebourne, in Inghilterra, dove l’unica nostra rappresentate è Francesca Schiavove, n. 4 del seeding, che chiude il poker superando l’estone Kaia Kanepi per 7-6 6-1. Sempre in terra inglese, vince Serena Williams, tornata in campo dopo oltre un anno. Per lei successo in rimonta 1-6 6-3 6-4 contro la bulgara Pironkova.

Romina nella storia. Magica giornata per la nostra Romina Oprandi, che al 2° turno del torneo olandese, mette a segno il colpo più sensazionale della sua carriera, liquidando un monumento del tennis mondiale come Kim Clijsters, n.2 del mondo. Continua il periodo poco positivo per la belga, che dopo la prematura sconfitta al secondo turno del Roland Garros contro la Rus, si lascia sopraffare per la prima volta da Romina Oprandi, n.82, segno che i problemi fisici non sono del tutto svaniti. Subito in palla l’azzurra, che in avvio di primo set strappa il servizio a Kim, ricambiando il favore nel 6° gioco ma rimanendo in piena lotta grazie ad ottime percentuali al servizio. Kim non affonda, soprattutto in risposta, e per l’azzurra diventa molto più semplice contenere gli attacchi avversari. Ottenuto un break per parte, si segue l’ordine dei servizi senza altri sussulti, sconfinando nel tiè-break decisivo. Romina non molla un centimetro, al contrario della belga, a volte troppo distratta. L’azzurra allunga in apertura, spingendosi prima sul 5-3 e poi sul 7-5 finale. Nel secondo set, il cinismo dell’azzurra fa la differenza, con Romina brava a scappare ancora una volta in avvio di parziale sul  2-0, dominando spesso lo scambio e trovando con grande continuità soluzioni spesso vincenti. Kim ci prova, ma l’altoatesina annulla 3 palle break nei restanti tre turni al servizio, tutti chiusi ai vantaggi, che sfiancando definitivamente una Clijster troppo opaca per essere vera. Sul 5-3 infatti, Romina rimonta da 30-40, e conclude a braccia alzate, regalando una splendida soddisfazione a se stessa e a tutti i tifosi italiani.

Sara e Roberta chiudono il tris. Primo turno positivo sui prati olandesi ainvece per Sara Errani e Roberta Vinci, che vincono e convincono, rispettivamente contro la belga Bertens, 7-6 6-1 e la polacca Ercogh, 6-4 6-2. Sfida del tutto inedita per la Errani contro la wild card locale Kiki Bartens, classe 1991 e n.171 WTA. La bolognese soffre parecchio nel primo set, in cui non riesce a contrastare la freschezza atletica della giovane belga, che gioca a braccio sciolto senza nulla da perdere. Davanti ai proprio tifosi, la Bartens lotta colpo su colpo, recuperando per 3 volte un break di svantaggio e trascinando il primo parziale al tiè-break. Qui la lotta continua e dopo aver sprecato un set point sul 6-5, la Errani chiude definitivamente sull’ 8-6, collezionando alla fine gli stesi punti della sua avversaria, (47). Ben altro l’andamento del secondo set, in cui l’azzurra riesce a prendere subito il comando del gioco, cambiando passo e impone dosi con un secco 6-1, lasciando alla sua avversaria solo le briciole. Per lei adesso secondo turno di ben altro spessore contro la russa Svetlana Kuznetsova, n.2 del torneo. Più agevole il compito di Roberta Vinci, che nella seconda sfida diretta, centra la prima vittoria contro la slovena Polona Hercog, n.58 della classifica. Nel primo set la Vinci è bravissima a recuperare da 2-4, piazzando 4 giochi consecutivi che soppiantano la giovane slovena. Il gioco eclettico e variegato dell’azzurra, mette in crisi il sistema difensivo della Hercog, che nel secondo set regge fino al 2-2 prina di arrendersi definitivamente. Ancora un parziale di 4 giochi a 0, lancia infatti la tarantina verso il secondo turno, da affrontare adesso contro la romena Dulgheru.

Ecco i risultati di oggi:

Secondo turno
(Q) Romina Oprandi (ITA) d. (1) Kim Clijsters (BEL) 76(5) 63
Kimiko Date-Krumm (JPN) d. Lourdes Domínguez Lino (ESP) 76(3) 60

Primo turno
(7) Roberta Vinci (ITA) d. Polona Hercog (SLO) 64 62
Sara Errani (ITA) d. (WC) Kiki Bertens (NED) 76(6) 61
Jelena Dokic (AUS) d. Alla Kudryavtseva (RUS) 60 64
Johanna Larsson (SWE) d. Rebecca Marino (CAN) 75 75

Francesca cala il poker. A poche centinaia di Km di distanza l’italtennis mette a segno l’ultima perla della giornata grazie a Francesca Schiavone, che ad Easteburne apre nei migliori dei modi la sua stagione sull’erba. La finalista del Roland Garros, testa di serie n.4 del torneo, supera 7-6 6-1 l’estone Kaia Kanepi, n.17 del mondo. Avversaria sicuramente non dei migliori, soprattutto all’esordio, che già dalle prime battute mette in difficoltà l’azzurra. La Kanepi dimostra sin da subito il buon feeling con l’erba, che lo scorso anno la portò fino ai quarti di finale a Wimbleodn. Servizio solido e colpi potenti, permettono all’estone di partire meglio nel primo set, allungando già al secondo gioco e girando campo con il servizio a disposizione sul 3-2 e sul 4-3. La reazione della milanese arriva però nell’8° gioco, quando l’azzurra opera il contro break e impatta sul 4-4. L’equilibrio torna sovrano, e puntualmente arriva il tiè-break. L’estone riprova a prende in mano l’inerzia dello scambio, riuscendoci in parte fino al 6-4 con due set point a disposizione. Francesca non ci sta, e con un guizzo gira campo sul 6-6. L’estone non si arrende, procurandosi ancora un set point sul 7-6. Grinta e tenacia sono virtù che da sempre contraddistinguono la leonessa, che con 3 punti di fila chiude il set in suo favore per 9 punti a 7. Per la Kanepi è un duro colpo, che si ripercuote a livello mentale nel secondo set. Francesca infatti agguanta sin dall’inizio il match e lo conduce fino alla fine con secco 6-1, aggiudicandosi, dopo 1 ora e 37 minuti, il 4° successo su 5 sfide dirette.

Diesel Serena. Lontana dal campo da oltre un anno, Serena Williams si riavvicina la tennis giocato dopo averne passate di tutti i colori. L’incredibile infortunio al piede, i due successivi interventi chirurgici e la preoccupante embolia polmonare, hanno  messo in dubbio per molto tempo un ritorno all’attività agonistica. Oggi invece è tornata e nonostante una prestazione non eccellente, torna a vincere ma soprattutto a sorridere, imponendosi sulla bulgara Tsvetana Pironkova per 1-6 6-3 6-4. Inizio terrificante per l’americana, carente sul tutto il fronte d’attacco, che lascia troppo campo ad una buona giocatrice come la Pironkova,n.34 WTA, che domina senza alcun patema. Perso male il primo, Serena inizia a trovare le misure alla sua avversaria, insieme alla giusta spinta nei colpi. Il 3-0 in avvio lancia la Williams sul 6-3, affidandosi nel terzo a quel carattere vincente che da sempre l’accompagna, staccando la bulgara sul 2-2, prima di chiudere sul 6-4 finale. Gioco e trionfi con tempo torneranno, ma oggi era importante esserci.

Ecco i restanti risultati di giornata:

(1) Vera Zvonareva (RUS) d. (WC) Heather Watson (GBR) 63 63
(2) Li Na (CHN) d. (Q) Tamira Paszek (AUT) 75 64
(6) Marion Bartoli (FRA) d. Lucie Safarova (CZE) 63 36 76(7)
Ana Ivanovic (SRB) d. Julia Goerges (GER) 64 63
Daniela Hantuchova (SVK) d. (Q) Zheng Jie (CHN) 64 64
Ekaterina Makarova (RUS) d. (Q) Mirjana Lucic (CRO) 61 36 64
(Q) Bojana Jovanovski (SRB) d. Anastasia Pavlyuchenkova (RUS) 76(9) 64
(WC) Elena Baltacha (GBR) d. Aravane Rezai (FRA) 62 61


Nessun Commento per “ROMINA SUPERSTAR”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SI SALVA SOLO ROBERTA Sull’erba olandese di S-Hertogenbosch, un successo e due sconfitte per i colori azzurri. Roberta Vinci vola ai quarti travolgendo la Dugheru 6-2 6-1, mentre Flavia Pennetta e Sara Errani […]
  • ROBERTA SI ARRENDE, KIM SI RITIRA Nella prosecuzione del quarto di finale di 's-Hertogenbosch contro Kirsten Flipkens, Roberta Vinci cede al tiè-break del 2° set. Un problema ai muscoli addominali ferma invece Kim […]
  • TABU’ CLIJSTERS PER FRANCESCA Per la 12° volta su altrettante sfide Francesca Schiavone si arrende a Kim Clijsters, che passa 6-3 7-6 e conquista la semifinale del WTA di 's-Hertogenbosch. La pioggia viene in soccorso […]
  • SCHIAVONE COME LAZZARO. BENE LA VINCI Al 2° turno del WTA di 's-Hertogenbosch incredibile successo di Francesca Schiavone contro Camelia Begu. La milanese va sotto 6-0 nel tiè-break finale, annulla 8 palle match e chiude al […]
  • CLASSIFICA WTA IMMUTATA Caroline Wozniacki è la regina, mentre Frascesca è stabile al 7° posto. Festa per Roberta Vinci e il suo best ranking (n.29). E intanto Serena Williams riparte da n.25 del mondo.
  • ROBERTA VOLA, ROMINA SI ARRENDE Nel WTA di S-Hertogenbosch, sfuma la finale tutta azzurra. Alla vittoria di Roberta Vinci, 7-5 6-1 sulla Cibulkova, non fa seguito quella di Romina Oprandi, costretta al ritiro nel secondo […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.