WTA, SVITOLINA IN SEMIFINALE, RADWANSKA FUORI DAI GIOCHI

Accedono alle semifinali di Washington, assieme all'ucraina, anche la Pavlyuchenkova e la Stosur, mentre a Stanford un'eccezionale Kerber elimina una sicura Radwanska.

Tennis – E arrivarono anche le semifinali al Citi Open di Washington, torneo in cemento con montepremi da 250.000 dollari. Le quattro semifinaliste che si daranno battaglia sono Ekaterina Makarova, Anastasia Pavlychenkova, Sloane Stephens e Sam Stosur.

Passa con non pochi problemi la Makarova che, in 1 ora e 40 minuti, è riuscita ad imporsi sulla Begu – numero 6 del seed – 6-4 2-6 6-1. Nonostante i suoi 7 aces, la romena non è stata abbastanza incisiva ottenendo il 58% di punti con la prima e il 37% di risposta alla sua avversaria. La Makarova conquista la prima vittoria contro la numero 29 del mondo, dopo aver perso nel 2014 a Mosca e, quest’anno, a Charleston.

Saluta Washington la McHale, partita con buonissimi propositi ma arrestatasi a causa della forza dirompente della Pvlyuchenkova. L’americana è stata sconfitta 2-6 6-1 7-6(5), dopo 2 ore di gioco. La russa non ha dato il suo meglio, commettendo ben 9 doppi falli, e la McHale non ha saputo approfittarne:  93-190 punti totali al servizio, 8 aces e 2 doppi falli. Seconda vittoria nel testa a testa per la Pavlyuchenkova che conduce 2-0 (la prima conquista fu nel 2012 a Eastbourne).

Passa il turno la Stephens che, in 1 ora e 28 minuti, ha eclissato Louisa Chirico con un doppio 6-4. L’americana numero 35 del mondo ha ottenuto: 6 aces, 1 doppio fallo e 2-4 palle break salvate. Si avvererà il sogno di conquistare il primo titolo?

Infine, Sam Stosur ha avuto accesso alla semifinale grazie al ritiro della Niculescu sul 4-0 del primo set. La romena, dopo 24 minuti, ha dato forfait per problemi poco chiari. La Stosur avanza con nonchalance, portandosi a quota 6 vittorie sulla Niculescu nel testa a testa: 2009 Stanford e Los Angeles, 2012 Doha, 2013 Doha e 2015 Australian Open.

Stasera i seguenti incontri: dalle ore 22.30 (ora italiana) scenderanno in campo Makarova-Pavlyuchenkova, mentre dalle ore 3.00 Stosur-Stephens.

Aria di semifinali anche al Bank of the West Classic di Stanford, torneo con montepremi da 731.000 dollari. Le quattro semifinaliste che si scontreranno sono Varvara Lepchenko, Karolina Pliskova, Elina Svitolina e Angelique Kerber.

Dopo un primo set burrascoso, la Lepchenko è riuscita a guadagnarsi la vittoria sulla Barthel battendola 6(3)-7 6-2 6-3 dopo 2 ore e 22 minuti di gioco. La Barthel si è cullata sugli allori credendo di portare a casa il match con i suoi 6 aces, peccato che abbia commesso altrettanti doppi falli: 6 errori in battuta e il 50% dei punti con la prima. La Lepchenko sottomette la tedesca e la scavalca nel testa a testa: 2-1, con la Barthel che l’ha battuta solo nel 2012 a Parigi, mentre l’americana nel 2014 agli US Open.

Un facile trionfo per un facile quarto di finale, la Pliskova ha sopraffatto la Tomljanovic 6-2 6-4 in 1 ora di gioco. La numero 4 del seed ha ottenuto 9 aces, l’81% dei punti con la prima di servizio e 6-6 di palle break salvate, inoltre, ha pareggiato i conti con la croata che l’aveva sconfitta nel 2011 a Clearwater. Sarà facile anche la sfida contro la Lepchenko cercando il tris della vittoria?

Leggero rischio per la Svitolina che l’ha spuntata contro la tenace Riske 4-6 7-5 6-1. L’americana ha ceduto al terzo set, dopo 2 ore di gioco e 4 doppi falli. L’ucraina non ha dato il meglio di sé: 4 aces, 4 gravi errori di battuta – di cui 3 nell’ultimo set – e il 39% dei punti con la seconda di servizio.

Incredibile sconfitta di Agnieszka Radwanska: la polacca è stata abbattuta da una tenace ed instancabile Kerber 4-6 6-4 6-4, dopo 2 ore e 26 minuti di gioco. La tedesca si è guadagnata: il 67% della prima di servizio, nonostante i 4 doppi falli, il 41% di risposta alla prima e 9-13 palle break salvate. La Radwanska ha forse peccato di superbia, pensando di poter ottenere una sesta e facile vittoria nel testa a testa, ma il risultato parla chiaro: 5-5, 2010 Beijing, 2011 US Open e 2013 Tokyo e WTA Championship per la Kerber, mentre 2008 Berlino, 2011 Tokyo, 2012 Wimbledon e 2013 Tokyo per la Radwanska.

Stasera i seguenti incontri: dalle ore 21.00 (ora italiana) Pliskova-Lepchenko e all’1.00 Svitolina-Kerber.

 


Nessun Commento per “WTA, SVITOLINA IN SEMIFINALE, RADWANSKA FUORI DAI GIOCHI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WTA, SLOANE STEPHENS E IL SUO PRIMO TITOLO Si aggiudica il trofeo di Washington la Stephens, l'americana sconfigge la Pavlyuchenkova e ottiene il primo titolo in carriera. A Stanford, invece, trionfa Angelique Kerber che ha […]
  • WTA, OK RADWANSKA E MAKAROVA, ELIMINATA LA WOZNIACKI Arriva ai quarti di finale di Stanford la polacca Radwanska, mentre saluta tristemente la Wozniacki abbattuta da una potente Lepchenko. A Washington la Makarova si prepara allo scontro con la Bagu
  • WTA, LA STEPHENS E LA SUA PRIMA FINALE A Stanford, dopo aver sconfitto la Svitolina, la Kerber si prepara allo scontro con la Pliskova. Mentre a Washington, un'incredula Stephens sogna di vincere il sui primo titolo, ma dovrà […]
  • WTA, SABINE LISICKI SALUTA STANFORD La tedesca, numero 24 del ranking, è stata sconfitta dalla qualificata Date-Krumm, mentre avanzano senza sosta Svitolina, Lepchenko e la Kerber. A Washington, Sam Stosur e Makarova […]
  • WTA, SAM STOSUR SEMPRE AVANTI, OUT PETKOVIC E NAVARRO Continua la corsa irrefrenabile della Stosur che si porta al terzo turno di Washington, mentre salutano Stanford Andrea Petkovic e Carla Suarez Navarro sconfitte rispettivamente dalla […]
  • DISCO VERDE PER LA BRIANTI A College Park Alberta piega all'esordio Anne Keothavong. A Stanford ciclone Serena Williams: 6-0 6-0 ad Anastasia Rodionova! Ayumi Morita elimina Ana Ivanovic.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.