WTA TOKYO: DISASTRO MLADENOVIC E PLISKOVA, AVANTI MERTENS

La francese colleziona la quinta sconfitta di fila al primo turno, fuori anche Stosur al rientro dopo l'infortunio patito al Roland Garros. Bene Zhang

Tennis. Cominciano a fioccare le emozioni nel prestigioso WTA di Tokyo in corso di svolgimento questa settimana, sebbene numerose big del circuito stiano attraversando un periodo di riposo in seguito alle fatiche accumulate ai recenti US Open. Tra le giocatrici vogliose di riscatto presentatesi ai nastri di partenza dell’appuntamento in terra nipponica figurava senza dubbio Kiki Mladenovic, capace invece di rimediare oggi la quinta disfatta consecutiva al debutto dopo i disastri già maturati a Toronto, Cincinnati, New Heaven e New York, a testimonianza di un momento davvero negativo della talentuosa portacolori transalpina.

Una statistica che sorprende ancora di più se si considera che la numero uno del seeding si era resa protagonista di un avvio di stagione a dir poco esaltante, impreziosito dal primo titolo in carriera conquistato San Pietroburgo e dalle finali raggiunte ad Acapulco, Stoccarda e infine Madrid. L’appuntamento con la vittoria manca ora addirittura dal torneo di Washington, pur sottolineando che non manca chi sostiene che alcuni guai fisici stiano in realtà incidendo profondamente sulle prestazioni di Kiki.

A togliersi lo sfizio di estromettere la prima favorita del tabellone ci ha pensato la qualificata Jana Fett, attualmente situata alla posizione numero 123 del ranking e mai in grado nei tempi passati di ottenere lo scalpo di una tennista all’interno della Top 40 mondiale. La 20enne croata si è infatti imposta grazie al risultato conclusivo di 6-4 6-3 al termine di un match gestito alla perfezione, anche se è impossibile non rimarcare gli innumerevoli passaggi a vuoto occorsi alla portacolori bleu autrice di tantissimi errori gratuiti e ritrovatasi sotto 0-5 nel secondo parziale. Il prossimo ostacolo sul cammino della Fett risponde al nome della slovacca Cepelova beneficiaria di un giorno in più di riposo.

Fuori anche la rientrante Samantha Stosur ancora priva del giusto ritmo dopo una serie di guai fisici, un fattore che ha permesso alla spagnola Sara Sorribes Tormo di trionfare con il punteggio di 3-6 7-5 6-1 complice anche un repentino calo dell’australiana la cui ultima apparizione ufficiale risaliva addirittura al Roland Garros. Ora l’iberica se la vedrà dinnanzi alla campionessa uscente di questo torneo, l’americana Christina McHale, giustiziera della non irresistibile qualificata Kovinic per 6-2 6-4 in poco più di un’ora di dominio. Avanti anche la cinese Zhang pronta ad approfittare di un tabellone favorevole, alla quale è bastato un periodico 6-3 ai danni della povera Hogenkamp.

Segnali convincenti provengono infine da Elise Mertens, accreditata della terza testa di serie, apparsa chiaramente in crescendo dopo gli alti e bassi accusati all’esordio. La belga si è infatti sbarazzata di Magda Linette per 6-1 7-5 nonostante qualche piccola sbavatura nella seconda frazione, mentre ha dovuto salutare la kermesse giapponese una disastrosa Kristyna Pliskova piegata dalla qualificata di casa Miyu Kato in due parziali (7-5 6-3).

Risultati:

Primo turno

[8] Y. Putintseva b. Y. Duan 6-4 4-6 6-4
[Q] J. Fett b. [1/WC] K. Mladenovic 6-4 6-3
[2] S. Zhang b. R. Hogenkamp 6-3 6-3
[Q] Z. Diyas b. M. Doi 3-6 6-1 6-1
K. Nara b. [6] N. Osaka 6-3 6-0
S. Sorribes Tormo b. [5] S. Stosur 3-6 7-5 6-1
C. Mchale b. [Q] D. Kovinic 6-2 6-4

Secondo turno

[Q] M. Kato b. [4/WC] K. Pliskova 7-5 6-3
A. Krunic b. [7] A. Riske 6-3 6-4
[3] E. Mertens b. M. Linette 6-1 7-5

 


Nessun Commento per “WTA TOKYO: DISASTRO MLADENOVIC E PLISKOVA, AVANTI MERTENS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.