PENNETTA SUBITO KO

Finisce già domenica l'avventura di Flavia Pennetta nel ricco Wta di Tokyo. L'azzurra si fa rimontare al primo turno dall'estone Kaia Kanepi per 3-6 6-4 6-4. A Seoul la Martinez Sanchez supera con un doppio 7-6 la Voskoboeva e fa suo il titolo coreano
domenica, 25 Settembre 2011

Tokyo (Giappone) – Dopo l’ottimo Us Open, Flavia Pennetta macchia con una sconfitta la sua prima sfida sul tour asiatico, perdendo in rimonta contro Kaia Kanepi al primo turno del WTA di Tokyo, unico torneo di questa settimana dotato di oltre 2 milioni di dollari di montepremi. L’estone, giocatrice molto più valida dell’attuale 43° posto mondiale, fa sua la sfida con l’azzurra recuperando un set di svantaggio e finendo per spuntarla alla distanza con il punteggio finale di 3-6 6-4 6-4. In attesa delle big, gia al secondo turno, poche le sorprese nei restanti match di odierni, con le vittorie comode di Anastasia Pavlyuchenokova e Agnieszka Radwanska. Si conclude invece il piccolo torneo di Seoul, in cui un ottima Maria Jose Martinez Sanchez fa suo il 2° titolo della stagione, superando in finale la kazaka Galina Voskoboeva con un doppio tiè-break.

Flavia perde il treno. Settima sfida diretta e bilancio in perfetta parità prima di questa partita, con la Kanepi reduce da due vittorie consecutive, tra cui la finale di Palermo dello scorso anno. Il servizio è la vera arma in più della brindisina nel primo set, con il 71% di prime e ben 87% di punti realizzati. La Kanepi regge comunque bene in avvio, portandosi avanti sul 3-2, per poi sfaldarsi sotto la costanza di rendimento di Flavia, che oltre a non concedere alcuna palla break, affonda anche in risposta. Con 4 game in serie la Pennetta allunga le mani sul primo parziale chiuso meritatamente sul 6-3. Il match rimane comunque equilibrato anche nel secondo set, con diversi game lottati, anche se la tenuta al servizio risulta ancora una volta decisiva. Entrambe, infatti, riescono a gestire l’inerzia di ogni scambio grazie al colpo d’inizio gioco, imponendo quasi sempre il proprio ritmo. Il secondo parziale segue i turni al servizio fino al 4-4, ma Flavia può recriminare per una fondamentale palla break nel 8° gioco, che se trasformata l’avrebbe portata a servire per il match.  La Kanepi invece agguanta il 4-4 e piazza l’unica zampata del parziale in un durissimo game successivo, chiuso in suo favore alla 3° palla break. Avanti 5-4 e servizio, l’estone non perdona, e complice una Flavia un pò provata, conquista il set per 6-4.  Flavia prova a non mollare nel terzo set, e dopo un paio di break per parte in avvio rimane in scia della Kanepi. Il servizio, fondamentale alleato nel primo set, abbandona la nostra azzurra, che scende ben oltre il 50% di prime palle, subendo parecchio anche con la seconda. Sul 2-2 la spinta in risposta della Kanepi, sfonda il muro azzurro, permettendo all’estone di trovare l’allungo decisivo. Il cambio di passo  della Kanepi non lascia purtroppo chance a Flavia, che non riesce più ad avvicinarsi alla sua avversaria, staccandosi rapidamente prima sul 4-2 e poi sul 5-3. Di palle break nemmeno l’ombra, e la conquista del 9° gioco rende meno amara la sconfitta che si concretizza poco dopo per 6-4.

Tante big ma poche azzurre. Con la sconfitta di Flavia Pennetta, si esaurisce immediatamente la presenza italiana a Tokyo, che non vede al via nemmeno Francesca Schiavone. La milanese, dopo l’immediata sconfitta a Seoul, disertata  questo ricchissimo appuntamento, soprattutto in termini di punti, mettendo così a repentaglio la sua partecipazione al prossimo Master di Istanbul. Tra le protagoniste che allietano la prima domenica del torneo nipponico  c’è Agnieszka Radwanska,n.9,  che fa suo il confronto contro la Doi con un doppio 6-1. Bene anche la n.11, Anastasia Pavlyuchenkova, che vince 6-4 6-3 sull’olandese Rus. Per le big bisognerà aspettare un paio di  giorni, visto che le prime 8 del torneo sono accreditate di un bye al 1° turno. N.1 è la danese Caroline Wozniacki, mentre alla n.2 c’è Maria Sharapova. Testa di serie n.3 la bielorussa Viktoria Azarenka, mentre alla n.4 la russa Vera Zvonareva.

Ecco il resto dei risultati della giornata:

(16) Shahar Peer (ISR) d. (WC) Kristyna Pliskova (CZE) 46 75 61
Irina-Camelia Begu (ROU) d. (Q) Karolina Pliskova (CZE) 16 63 64
Ayumi Morita (JPN) d. Irina Falconi (USA) 75 61
Zahlavova Strycova (CZE) d. Anastasija Sevastova (LAT) 76(2) 41 ret.
Greta Arn (HUN) d. Sofia Arvidsson (SWE) 75 63
Tamarine Tanasugarn (THA) d. Petra Cetkovska (CZE) 64 64
(Q) Angelique Kerber (GER) d. Bojana Jovanovski (SRB) 61 60
(WC) Laura Robson (GBR) d. Alexandra Dulgheru (ROU) 62 62

Seoul parla spagnolo. Arriva dall’estremo oriente il 5° titolo in carriera di Maria Josè Martinez Sanchez, il 2° di questa stagione. La seconda sfida diretta contro Galina Voskoboeva si risolve a favore della spagnola dopo due ore di lotta e solo dopo due tiè-break. La kazaka, n.82 del mondo, fallisce così l’assalto al primo titolo. Match duro e assai equilibrato, che vede entrambe le giocatrici attingere molto dal proprio servizio, lasciando per strada  tre break per parte il tutto il match. Alla fine è il tiè-break a decidere entrambi i parziali, con un netto predomino della spagnola, che fa suo il primo per 7 a 0 e il secondo per 7 a 2.


2 Commenti per “PENNETTA SUBITO KO”


  1. Mariarosa ha detto:

    Manca di continuità la nostra Flavia, ancora una volta battuta dalla kanepi che già l’anno scorso l’aveva agganciata e battuta. Coraggio Flavia i numeri per rimetterti in careggiata li hai eccome!

  2. jessica ha detto:

    dai flavia nn importa ti rifarai ! forza flaviaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!1


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.