ZIO TONI RIVELA: “MAI PRESI SOLDI PER ALLENARE NADAL”

Interessante rivelazione dello Zio più famoso nel mondo del tennis

Tennis. Forse in molti si saranno chiesti del rapporto, a livello strettamente economico e contrattuale, fra lo Zio Toni e il nipote Rafa Nadal nel corso di tanti anni. Ebbene, per la prima volta, lo zio più noto nella storia del tennis ha dato una risposta che potrebbe stupire.

Ho allenato Rafa per anni, ma non ho mai preso soldi. Non perché non volesse pagarmi, ma perché era una cosa che facevo con piacere. Ora mi godo il tennis a 360 gradiRafa nella vita di tutti i giorni è molto calmo. Ama pescare, giocare a golf, stare a casa e passare il tempo con i suoi amici. Poi però, quando entra in campo diventa un’altra persona. Quando aveva sette anni dissi a suo padre che sarebbe diventato un campione, l’ho sempre saputo.”.

Toni racconta dei suoi metodi di lavoro e del modo di approcciare agli allenamenti, non ha mai guardato in faccia nessuno, parenti compresi: “Sono stato sempre molto severo con lui, volevo prepararlo alle difficoltà della vitaNon mi piacciono molto i suoi rituali. Ha iniziato a farli all’improvviso e solo durante le partite, nelle sessioni di allenamento non fa niente, alla fine però è divertente. I movimenti che esegue prima di servire e la sistemazione delle bottigliette a bordo campo hanno funzionato nella sua carriera, almeno fino ad ora”.

Oggi Toni Nadal gestisce in autonomia l’accademia di tennis in quel di Maiorca voluta fortemente da Rafa.


Nessun Commento per “ZIO TONI RIVELA: "MAI PRESI SOLDI PER ALLENARE NADAL"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.