ZVEREV: “ALLA FINE DEL SECONDO SET ERO MORTO”

Il campioncino tedesco ha ammesso di sentirsi stanco morto dopo il secondo set della finale di Bercy contro Medvedev
lunedì, 9 Novembre 2020

Tennis. Alexander Zverev si è fermato ad un solo set dalla vittoria nel Masters 1000 di Parigi-Bercy.

Dopo essersi aggiudicato il primo parziale al fotofinish contro Daniil Medvedev, il tedesco è crollato fisicamente lasciando strada al suo avversario.

“Alla fine del secondo set ero stanco, ero morto. Il match con Mannarino [agli ottavi, ndr] è stato molto fisico e mi ha portato via tante energie.

Sapevo di dover vincere in due set, e una volta perso il secondo sapevo che sarebbe stata dura, soprattutto perché lui è molto composto. Ti fa correre in ogni scambio” – ha dichiarato Zverev in conferenza stampa.

“Daniil ti logora, e appena inizi a sentirti un po’ teso ti porta allo sfinimento – ti fa correre, ti fa muovere.

Come ho detto, anche il match con Mannarino è stato così perché ha un gioco simile, colpisce piatto e gioca scambi lunghi per tutto il match.

Contro Daniil non ci sono punti diretti. Quindi questo aspetto è stato complicato da gestire, e gliene va dato atto, è un grande giocatore.

So che questa non è stata la miglior stagione per lui, mentre devo dire che la mia è stata abbastanza positiva, ma vedremo come andrà a Londra. 

Sono contento del mio gioco, ma forse devo riprendermi un pochino dal punto di vista fisico“ – ha aggiunto.

La situazione legata alla pandemia rimane complessa: “Gioco abbastanza bene con il pubblico! Mi mancano tanto i fan, soprattutto in finali come quella di oggi o quella dello US Open. 

Ma dobbiamo soltanto essere contenti di poter giocare e grati per le opportunità che ci vengono date. Altri sportivi non sono così fortunati, ma noi sì, quindi il fatto di poter giocare è fantastico”.


Nessun Commento per “ZVEREV: "ALLA FINE DEL SECONDO SET ERO MORTO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.