ZVEREV: “IL GIORNO PIU’ IMPORTANTE DELLA MIA CARRIERA”

Il tedesco parla fiero della vittoria alle Atp Finals

Tennis. Zverev vince le Atp Finals ma continua nonostante l’emozione a tenere i piedi per terra, come dimostra nelle parole in conferenza stampa dopo il successo su Nole.

“È il titolo più importante della mia carriera finoraOggi ho giocato in modo straordinario. Vincere questo torneo battendo in modo consecutivo Roger e Novak significa tanto. Non sapevo cosa aspettarmi perché sabato avevo fatto tutto giusto, nel rispetto delle regole. Ma la reazione del pubblico non era stata delle migliori. Ero un po’ triste perché noi tennisti prendiamo questo genere di cose sul personale, essendo uno sport individuale. Oggi sono entrato in campo con l’idea di divertirmi, e aver perso soltanto una volta il servizio contro il miglior ribattitore del circuito è una grande notizia“.

Sul momento dei giovani nel tennis afferma: “Noi giovani stiamo emergendo. La vittoria di Khachanov a Bercy è stata una grande cosa. La vittoria di Tsitsipas a Toronto contro Djokovic, secondo me Novak non aveva giocato al meglio ma tutti i meriti vanno a Tsitsipas. Novak non ti regala la partita. Nel futuro tante cose possono succedere e cambiare. Ma il prossimo anno saranno ancora loro (Federer e Djokovic) i giocatori da battere nei grandi tornei. Io farò di tutto per migliorare e per giocare alla pari con loro”.

Infine, sull’apporto di Lendl da coach spiega il tedesco: “Mi ha detto di fare qualcosa di diverso come anticipare la palla ed essere più aggressivo. Ma quello ad avermi dato le basi è stato mio padre, il miglior allenatore di tennis. È lui che mi ha insegnato il gioco del tennis. Poi certo, l’esperienza con Ivan è fantastica sia dentro che fuori il campo”.


Nessun Commento per “ZVEREV: "IL GIORNO PIU' IMPORTANTE DELLA MIA CARRIERA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.